Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Venice Calls Venezia FC: giocatori a caccia di rifiuti per la laguna

| Storie | Autore: Francesco Gottardi

Guantoni da spazzino, sacchi in mano e via a pulire le rive inquinate della città: il Venezia segue i veneziani nell'iniziativa 'Kick Plastic OUT!'. Il servizio di GianlucaDiMarzio.com

Un calcio alla plastica. Per un giorno, il pallone può aspettare: così i giocatori e la dirigenza del Venezia hanno risposto all’appello di una città in pieno allarme ambientale. Niente macchine, allo stadio si va in battello, eppure parliamo di uno dei primi dieci centri italiani più inquinati del 2019 secondo Legambiente.

Dunque, Venice Calls, nel nome della neonata organizzazione no profit. Se i rifiuti sono troppi (soprattutto quelli plastici, portati dalla corrente di fiumi e canali), ci devono pensare i cittadini. Alla veneziana, ovviamente: barche in moto (messe a disposizione da Classic Boats Venice e Venice Kayaks), sacchi in mano e via a raccogliere i residui inquinanti sulle rive della laguna. “Dobbiamo ricordarci che come squadra di calcio abbiamo obblighi diversi rispetto a qualsiasi altra azienda”, ha parlato il presidente arancioneroverde Tacopina a margine dell’evento.Il Venezia è soprattutto di Venezia, noi ne siamo solo i custodi. E quindi è giusto che anche noi ci sporchiamo le mani per il bene di questa città.

 

venezia venice calls rifiuti 5.jpg

 

Molto più che un modo di dire. Vicario, impegnato in allenamento, si vede ‘rubare’ i guantoni dai centrocampisti Segre e Suciu. Non quelli da portiere, ma da operatore ecologico Veritas: “Adesso ci divertiamo noi!”. A caccia di pezzi di vetro, polistirolo e di qualsiasi altro rifiuto sputato a riva dalla laguna.

“Per quanto poco, dare una mano a pulire ti fa sentire un po' meglio. E ti fa riflettere”. Davanti a sfide come questa, le differenze tra cittadini, calciatori e dirigenti si annullano. In modo particolare per Paolo Poggi, che oltre a quella dell’Udinese ha fatto la storia del Venezia.

 

[videosky id="498097"][videosky]

 

Vedete? In questo edificio del ‘500 ci giocava la Reyer (la squadra di basket di Venezia, ndr). Sistemato a prua, l’ex attaccante mostra i tesori della sua città ai giocatori di oggi. E loro lo ascoltano a bocca aperta, da bravi scolari. “Anche se non sono veneziani, si devono rendere conto che giocare per il Venezia non vuol dire solo lavorare per questa squadra, ci spiega poi Poggi in mezzo ai rifiuti. Ma anche contribuire a rendere questa città un po’ più bella.

 

venezia poggi venice calls.jpg

 

Un obiettivo comune, portato avanti anche dai 'nativi' Bocalon e Zennaro. “Glielo diciamo sempre ai nostri compagni: prendete casa in centro storico! Qualcuno ha promesso che lo farà, noi ci mettiamo del nostro per coinvolgerli in quella che è un’esperienza di vita unica”. Con i suoi pro e i suoi contro per cui combattere: a fine giornata si tirano le somme. “È  andata bene: 1600 kg di rifiuti raccolti da un centinaio di volontari di tutte le età”, esulta Sebastiano Cognolato, presidente di Venice Calls. Per noi è un segnale importante che una società come il Venezia partecipi a queste iniziative: per il risalto mediatico ma anche perché vuol dire che la comunità non è sola con i suoi problemi”.

Lo si vede dalle piccole cose. Aspettando la foto di gruppo ai piedi del ponte, nel sabato pomeriggio i bambini giocano a pallone. Con St Clair e Di Mariano. “Siete davvero giocatori del Venezia? Non ci credo!”. Missione compiuta.

 

venezia venice calls 2.jpg

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Serie A

Libro GDM