Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Il ritorno del Re 

| News calcio | Autore: Francesco Porzio

Un pugno e un sorriso. Due gesti, due immagini di questa prima (nuova) giornata di Zlatan Ibrahimovic al Milan. Perché Ibra è tornato. È stato acclamato come un Re che è ritornato nel posto che gli spetta sette anni dopo. Un ritorno a casa, nella sua Milano, la città che lo ha consacrato definitivamente a livello mondiale. Un pugno di sfida, un pugno di incoraggiamento per i tifosi che lo hanno aspettato in questi anni. Una giornata intensa e bella, piena di emozioni. Sia per i tanti tifosi che lo hanno accolto in aeroporto, alle visite mediche e infine a Casa Milan per la firma sul contratto. Ma sopratutto per lui, per Zlatan. Che fin da quando è atterrato ai privati di Linate non ha mai smesso di sorridere. A suo modo, ma lo ha fatto. 

Ibrahimovic 1.jpeg

L’atteggiamento di Ibra visto da vicino è sempre il solito. Quell’aria da rockstar che conosce le sue ambizioni e ha la voglia di spaccare tutto come ha fatto ovunque. Ibra, nonostante qualche ruga in più, è davvero sempre lui. Nessuno meglio di Mino Raiola poteva descrivere meglio questa sua probabilmente ultima avventura da giocatore: “Sarà come l’ultima tournée dei Queen”, ha dichiarato qualche giorno fa a Repubblica. Oggi la sensazione è stata esattamente questa. Come se a Linate fosse arrivata una rockstar, qualcosa che va oltre il calcio e un “semplice” giocatore. Ibra è qualcosa in più. 

[videosky id="565113"][/videosky]

La mattinata è stata intensa e ricca di appuntamenti. Linate, appunto. Dove la folla lo ha letteralmente travolto. Poi le visite mediche e l’idoneità sportiva. I gesti che lo hanno accompagnato nei pochi momenti in cui si è fatto vedere ai tifosi sono stati sempre gli stessi. Il pugno e il sorriso. Come dire: “Tranquilli, Zlatan è tornato”. Nessuna illusione però, il sentimento dei tifosi del Milan è praticamente lo stesso. Ibra serve, ma non basta per far tornare il Milan grande. Certo, averlo dalla propria parte regala una certezza: con Ibrahimovic non esistono cali di tensione. È la legge di Ibra. 

Ibrahimovic milan IMAGE ok.jpg

La giornata finisce con il ritorno in hotel. Anzi, l’arrivo in hotel. Perché Ibrahimovic non ci era ancora passato da quando era arrivato. Dopo la firma infatti è andato a Milanello. Per salutare Pioli ma anche per fare la prima sgambata. La maglia numero 21 lo aspetta. San Siro è pronto a rivederlo in campo. Ancora una volta. L’ultima tournée sta per partire.

LEGGI ANCHE: LE PRIME PAROLE DI ZLATAN IBRAHIMOVIC 

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A

Book GDM

Copyright 2014, 2020
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968