Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Siria | Omar Al Somah è tornato, più decisivo che mai: la storia dell’(ex) ‘attaccante senza nazionale’

| Storie | Autore: Guendalina Galdi

C’era una volta ‘l’attaccante senza nazionale’. Ed ora non c’è più. O meglio, c’è ed è sempre un numero 9 ma adesso quella maglia è tornato ad indossarla. Come una favola, per la Siria, per Omar Al Somah. Una storia che intreccia pallone e politica. Un ‘bentornato’ che ha messo da parte un ‘addio’ che alcuni credevano fosse per sempre. Invece no. Al Somah è tornato, si è caricato la sua Siria sulle spalle e l’ha trascinata verso un traguardo incredibile: gli spareggi del Mondiale di Russia 2018.

Un po’ favola, un po’ cronaca. Un lieto fine, oggi. Il 2-2 contro l’Iran è merito suo, di quel gol al 93’. Perché in quel terzo minuto di recupero Al Somah ancora ci credeva. E in pochi minuti addio al record del portiere iraniano Alireza Beiranvand (11 gare nella fase eliminatoria e zero gol incassati), è felicità tutta siriana. Rete e il sogno Mondiale è ancora lì. Una gioia per lui e compagni, un sorriso, seppur sportivo, per un paese in guerra. ‘L’attaccante senza nazionale’ è tornato. Più decisivo che mai. Un eroe adesso, uno che in passato non ha tenuto lontano dal terreno di gioco la politica. Una scelta che gli è costata la nazionale. Era il dicembre 2012 e l’avversario l’Iraq. A Kuwait City si giocava la finale di Coppa d’Asia occidentale. La vince la Siria e Al Somah festeggia sotto la curva sventolando una bandiera della rivoluzione. La tv locale oscura quelle immagini, lui pensa al suo popolo: “Dedico vittoria e titolo ai siriani. Abbiamo portato un po’ di felicità ad un popolo triste”. Un gesto, una conseguenza: addio alla nazionale. Un peccato per il calcio locale perdere quell’ “Ibrahimovic siriano”. Soprannome scelto non a caso. Feeling col gol sempre avuto, dagli esordi in serie A siriana nell’Al-Fotuwa (22 in 39 presenze), all’Al-Qadsia – campionato del Kuwait – in cui segnerà 43 gol in 68 apparizioni. Ora è all’Al-Alhi e nel 2016 è diventato il quarto miglior marcatore dell’anno solare, con 42 gol in 35 partite, dopo solo Messi, Ibra e Suarez.

Per circa cinque anni un ‘attaccante senza nazionale’, adesso eroe di quella Siria che l’ha riaccolto e punta a non lasciarlo più. Di nuovo in campo per regalare un sorriso, per piangere con compagni e connazionali lacrime di gioia. Con un sogno Mondiale da coltivare ancora attraverso gli spareggi (Arabia Saudita o Australia l’avversario), con un Al Somah in più che segna così il suo primo gol con la maglia della Siria e il ritorno non poteva essere più dolce.

Condividi articolo su

Calciomercato

Serie A