Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Gol e rivincite: Immobile, la scarpa d'oro è quasi realtà

| News calcio | Autore: Francesco Pietrella

Chiude gli occhi e si vede lì, in cima, col piede dorato. La scarpa d’oro del 2020 è un soffio di vento e Ciro lo sa, quasi la tocca. Tra sogno e realtà, però, c’è ancora quel maledetto “quasi”, perché Ronaldo è Ronaldo e Immobile sa anche questo. 35 gol in campionato, Lewandowski superato, +4 sul portoghese e +1 sul polacco, ormai fermo lì. Notizia importante: per la prima volta dal 2007 la scarpa d’oro tornerà in Italia, e di nuovo a Roma. Da Totti a Ciro Immobile. Forse, ancora non si sa, la variabile Ronaldo è di quelle imprevedibili. 

Immobile Getty.jpg

RECORD

La partita col Brescia quasi non esiste, la Lazio gioca solo per far segnare Ciro. Ci riesce dopo almeno tre occasioni: assist di Correa, classico movimento sul filo dell’ex Toro e Andrenacci battuto (il migliore in campo dei suoi, gli nega il gol altre due volte). 2-0 secco, dopo il guizzo del Tucu nel primo tempo, nove reti in Serie A. Stavolta, però, il focus è tutto su Ciro, grande con la Lazio. E la Lazio grande insieme a lui. 35 gol in A, -1 da Higuain per il record assoluto del campionato. E l’ultima gara sarà proprio a Napoli, terra di Ciro, dove tutto iniziò anni fa. Quando il ‘seccatiello di mamma’ si faceva i chilometri in macchina coi capelli bagnati, il finestrino abbassato e i rimproveri dei genitori. “Alzalo, altrimenti prendi freddo”. Sognatore. 

LEGGI ANCHE TARE SU DAVID SILVA

ronaldo immobile GETTY.jpg

NUMERI E GOL

Immobile che vince la Scarpa d’Oro a Napoli (e magari supera Higuain) è una storia bellissima, di fame e rivincite, successi e sorrisi, cazzotti dati e incazzati. Perché Ciro ha 30 anni e dribbla critiche da almeno la meta, fa gol ai dubbiosi e gela gli scettici. Sempre in silenzio, senza mai una polemica, tanto parlano i gol. Un po’ di numeri: negli ultimi dieci anni, in Serie A, nessuno ha segnato più di lui (129 reti, meglio di Icardi, Di Natale, Milito e compagnia). Ancora, altri: 124 gol con la Lazio in 177 partite, terzo miglior marcatore della storia davanti a Chinaglia (Piola è primo a 159, segue Signori a 127, può prenderli netrambi). Quest’anno è a 35 reti in 36 partite, con 14 rigori. Un antieroe che piace a pochi, criticato da molti, invidiato da chissà quanti, che adesso è pronto a urlare ‘rivincita’.

Immobile triste Lazio IMAGE.jpg

A diventare re del gol davanti a Ronaldo. Perché due anni fa, ad Auronzo, dopo la stagione da 41 gol, ci scherzò su: “Meno male che quest’anno ho vinto il titolo di capocannoniere, ora con Cristiano…”. Già, e ora, con Cristiano? Che succede? Apri gli occhi Ciro, manca poco. Stai vincendo tu.

LEGGI QUI LE PAROLE DI INZAGHI DOPO LA PARTITA COL BRESCIA

Condividi articolo su

Tag

Lazio

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A