Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

La rivoluzione dell'Ajax: adesso è davvero una grande

| Storie | Autore: Valentino Della Casa

Mani al cielo, esultanze a tutto campo: il miracolo, l’ennesimo, è compiuto. L’Ajax entra di diritto nell’Olimpo dei più grandi, lo fa in una notte da sogno, superando uno dei suoi limiti. Un altro. “Dobbiamo farcela”, il monito di Ten Hag, autore e protagonista di una rivoluzione che il mondo dello sport non può non celebrare. “Siamo i piccoli contro i giganti”. Forse, adesso, questa metafora sta un po’ stretta.

De Ligt IMAGE.jpg

Partiamo dalla fine per arrivare all’inizio. Tutta la squadra al triplice fischio di Turpin vola verso il suo settore ospiti. Entusiasmo alle stelle: i tifosi (quasi tutti a torso nudo, e a Torino fa freddo) stanno vivendo un sogno nello stesso campo che lo aveva fatto vivere a quelli di casa contro l’Atletico Madrid. I loro cori e le esultanze dei giocatori più giovani di tutta la Champions coprono ogni vuoto acustico dell’Allianz Stadium, rimasto deluso, quasi stupito, per il 2-1 e per come è nato. Una cornice a un quadro di calcio, calcio vero, che l’Ajax ha saputo dipingere minuto dopo minuto.

Una volta si chiamava “calcio totale”. Adesso? Fatichiamo a trovare il termine. Potremmo parlare di “Calcio Play Station”, per quanto sia stato divertente, coinvolgente. Azioni a tutto campo, ripartenze, triangolazioni, colpi di tacco. Anzi, a volte fin troppi: prima di arrivare a un tiro ne deve passare di tempo. Di certo, l’Ajax è una squadra smart. E pure i più vecchi si adattano: vedere il selfie di Huntelaar con tutto il gruppo per credere.

Huntelaar esultanza Ajax GDM.jpeg

È una rivoluzione che parte dai giovani e da lontano. 24 maggio 2017: finale di Europa League. Onana, De Ligt, Schone e Ziyech, praticamente la spina dorsale della squadra di oggi (praticamente: all’appello mancano anche De Jong e Tadic), perdevano contro il Manchester United. Più forte, più esperto. 25 luglio 2019: preliminari di Champions contro lo Sturm Graz. 15 giorni prima, a Torino, si festeggiava l’arrivo di Cristiano Ronaldo e in pochi si sarebbero potuti aspettare che gli olandesi sarebbero diventati la prima squadra della storia a raggiungere le semifinali dopo tre turni preliminari.

Da qui parte tutto, con una consapevolezza crescente. Ten Hag lo sa, non lo nasconde e lo mostra con orgoglio. Non spavalderia. Perché aprire le porte dell’allenamento della vigilia (cosa già fatta con il Real Madrid) è questo: far capire che il calcio non è solo tattica e segreti. È estro, fantasia, imprevedibilità al di là di ogni possibile metodo. È dialogo con i giocatori e i tifosi. È divertimento. L’Ajax tenta qualcosa di nuovo, ci riesce. Ed è grande tra i più grandi. A un passo dal sogno che in molti, ora, condividono.

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato

Serie A