Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Ranocchia, volée e mano al cuore: cose che capitano...nei giorni del Capitano

| Storie | Autore: Simone Nobilini

Dalla fascia persa più di 4 anni fa alla prosecuzione di un'avventura con l'Inter senza mai una parola fuori posto: così "Frog" è rinato, dopo errori e critiche, idolo nerazzurro

Le trame che la realtà è capace di scrivere, talvolta, rasentano i limiti del paradosso. Disegnare situazioni insolite, in periodi quantomai movimentati e oggetto di scossoni interni, vedendo come protagonista chi non ti aspetti: un po’ come Andrea Ranocchia, sorpresa di serata di un’Inter approdata facilmente agli ottavi di finale di Europa League.

Volée vincente da limite dell’area: esultanza rabbiosa, con mano battuta sul cuore, a ribadire il legame con la maglia che veste ormai da 7 stagioni. Cose che capitano (per usare un gioco di parole)…nei giorni del Capitano: quelli in cui la fascia passa dal braccio di Mauro Icardi, ancora sonoramente fischiato da S.Siro nei pochi istanti di presenza sul maxischermo, a Samir Handanovic. Gesto e avvicendamento in cui, ormai più di 4 anni fa, proprio Ranocchia venne direttamente coinvolto, lasciando senza alcuna polemica il grado all’attaccante argentino.

Questione di atteggiamento e attaccamento: quello che Ranocchia non ha mai smesso di avere per i suoi colori, pur degradato e relegato ad un ruolo di riserva, con pochi minuti a disposizione. Aspetto da sempre amato dal tifo nerazzurro, anni fa come oggi, ricordato in dichiarazioni simbolo di maturità e comprensione di una difficile realtà: dove le critiche si sono rivelate motivazione per rilanciarsi, senza abbattersi, sentendosi “Capitano tutti i giorni.

E tra una dichiarazione e l’altra, mettendo la faccia per primo dopo il K.O. interno contro il Bologna, “Frogè rinato idolo del suo popolo. Pur vedendo il campo di rado, ma senza mai lasciar trasparire lamentele o infelicità, mettendosi a disposizione in ogni occasione. Dando alla fascia un puro valore simbolico, consapevole di "essere un giocatore che per l’Inter dà tutto se stesso”: anche con ruoli inusuali, da bomber improvvisato nei finali di partita, e gol di notevole fattura. Come quello contro il Rapid. Cose che capitano…nei giorni del Capitano: con una fascia persa da tempo solo materialmente e custodita in silenzio, anno dopo anno, nel cuore.

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A

Book GDM

Copyright 2014, 2020
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968