Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Genoa, Radu migliore portiere dell’anno della Romania

Genoa CFC

| News calcio | Autore: Marco Bovicelli

Il numero uno del Genoa, arrivato in estate dall’Inter dopo la stagione ad Avellino, è stato premiato come miglior portiere della Romania al Gala Fotbalului Romanesc

Un inizio così lo potevo soltanto sognare prima di arrivare a Genova, ora sta succedendo e devo tenermi stretta questa chance, continuando a lavorare ogni giorno per migliorare”. L’inizio da sogno è quello del numero uno Ionut Radu, arrivato a Genova per crescere con calma alle spalle di Federico Marchetti e diventato col passare delle giornate titolare inamovibile prima di Davide Ballardini e poi di Ivan Juric. Cambio in panchina in corsa, ma il portiere classe ‘97 arrivato in estate dall’Inter - assieme a Valietti per un operazione totale da 12 milioni di euro, con diritto di recompra in favore dei nerazzurri - è rimasto sempre al suo posto tra i pali: con Piatek, Romero e Kouame tra le (giovani) sorprese più belle del Grifone, nonostante un momento difficile da superare, e del nostro campionato.

A rendere ancora più speciale un inizio ‘da sogno’, come dalle stesse parole di Radu, il premio ricevuto ieri al ‘Gala Fotbalului Romanesc’ come miglior portiere dell’anno in Romania: il suo paese, la sua nazionale - selezione U21 -, quella con la quale grazie anche alle sue parate è volato ai Campionati Europei Under 21 UEFA del prossimo giugno. Dall’Italia alla Romania, Radu sempre protagonista: “Euro 2019: Mission accomplished” il post su Instagram dello scorso 16 ottobre a festeggiare la qualificazione della sua nazionale. Quasi un mese dopo la sua prima in Serie A. “Non sapevo che avrei esordito, nessuno mi aveva avvisato: mi avevano solo detto di farmi trovare pronto in qualsiasi momento, l’ho scoperto quando l’allenatore ha letto la formazione” le parole di Radu al termine di Genoa-Chievo, 2-0 finale con reti di Piatek e Pandev.



Ionut si è fatto trovare pronto, con una bella parata sul colpo di testa di Barba a mantenere il risultato. Prima tra i grandi (in rossoblu, con l’Inter a farlo esordire diciottenne fu Mancini a Sassuolo), dopo l’anno passato a crescere in Serie B ad Avellino, in estate la chiamata del Genoa: “Al quale ho detto subito sì perché ho percepito da loro un grande interesse, sentivo che puntavano davvero su di me: l’Inter resta nel mio cuore e in futuro mai dire mai”. Il presente però è a tinte rossoblu, ma non solo: ci sono anche il blu, il giallo e il rosso. I colori della sua nazionale, quella che l’ha incoronato portiere migliore dell’anno.


Condividi articolo su

Tag

Serie A, Genoa

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato