Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

eSports, cosa sono e come funzionano in Italia: parte la nostra nuova rubrica

| Esports | Autore: Redazione

Nascono negli anni ‘80, si sono sviluppati nel corso dei decenni e oggi sono un fenomeno mondiale in via d’espansione. Gli eSports sono arrivati ovunque, e anche l’Italia ha aperto le porte a questo movimento. Partiamo dalle basi: cosa sono gli eSports? Letteralmente sport elettronici, ossia la sfera dei videogiochi a livello competitivo. 

Dagli sparatutto ai battle royale passando per i videogiochi sportivi, ce n’è per tutti i gusti. Un esempio per capire la portata del fenomeno: una finale di League of Legends in Giappone riempie stadi da 80.000 persone e tiene incollati decine di milioni di persone in streaming, quasi come una finale di Champions League. 

Intrattenimento ma anche business, nel mondo c’è un giro d’affari importantissimo intorno agli eSports, con montepremi globali che secondo le ultime stime sforano i 500 milioni di dollari. Un numero destinato a salire velocemente, anche se in Italia tali cifre sono ancora lontane dalla realtà. 

Gli eSports in Italia 

esports.2.jpg

L’ultimo rapporto sugli eSports in Italia redatto dall’associazione di categoria Aesvi (che ha da poco cambiato nome in IIDEA), non ha toccato l’argomento economico, rendendo quindi difficili stime e proiezioni. Una cosa è certa: il giro d'affari è in espansione ma ancora lontano dalle cifre toccate in altre parti del mondo. 

Lo studio condotto da IIDEA fornisce però dati utili per capire quanti sono gli italiani interessati al mondo eSport. In media ogni giorno 350.000 persone seguono un evento esportivo, e il numero sale a 1 milione e 200.000 se si considerano le persone che seguono gli eSports più di una volta a settimana. 

C’è chi li segue per semplice divertimento, altri per imparare nuove tecniche da poter poi riutilizzare. Non c’è distinzione di genere: secondo lo studio condotto da IIDEA il 51% delle persone che seguono il mondo eSport sono uomini il restante 49% donne. Anche le fasce d’età sono molto elastiche: si va dai 16 ai 40 anni, tutti interessati al fenomeno esportivo. 

Dati che giustificano anche gli sforzi che il mondo del calcio italiano sta profondendo per dare vita ad un sistema che possa dare sempre più spazio agli eSports. Non è un caso che siano nati i campionati di Sere A e di Serie B legati a questo mondo Da oggi, su Gianlucadimarzio.com, daremo spazio a una rubrica settimanale. Con approfondimenti, storie, notizie. Che un mondo così particolare si merita.

Genoa ESports (2).jpg

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A

Book GDM

Copyright 2014, 2020
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968