Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Emozioni, maturità e brividi da Serie B: il Massimino trascina il Catania

| News calcio | Autore: Angela Sciuto

"Osa... Oltre ogni ostacolo". Testa (in campo) e cuore (sugli spalti): Catania sogna la B con la spinta del suo pubblico

Emozioni da brividi? Provate a chiederlo, ad uno ad uno, ai tifosi presenti stasera al Massimino. La difesa preventiva, non quella in campo bensì quella del territorio, l’hanno fatta i sostenitori del Catania.

Quasi quattordicimila cuori rossazzurri hanno trascinato la squadra in semifinale dei playoff. E semifinale è stata. Cori a gran voce, prima, durante e persino dopo la partita, per un totale di più di 100 minuti e un unico messaggio da voler trasmettere: “Questa è casa nostra, e questa volta, da qui, non passa nessuno”. E così è stato, grazie alla risposta di un Catania adesso un po’ più maturo rispetto al passato.

Niente coreografie particolari per l’occasione, niente di troppo eccessivo. Più concretezza, perchè questa volta - davanti a questa cornice di pubblico - potesse arrivare una risposta sul campo. Un risultato positivo, come non era avvenuto in campionato.

Al tredicesimo minuto del secondo tempo, un unico grido ed un unico cuore - esplosi al gol di Barisic che ha sbloccato la partita - hanno fatto venire giù l’intero stadio. Come non accadeva da tempo. Una festa, voluta e vissuta da tante famiglie, tanti bambini, tutti con qualcosa di rossazzurro con se.

Impossibile contare quante bandiere, cullate da un leggero venticello estivo hanno colorato lo stadio di Catania, così tante da ricordare quelle che, sventolavano negli anni in cui il Catania in Serie B c’era già. L’obiettivo inseguito per un anno intero è proprio questo.

È quello che vogliono i tifosi e che, a gran voce, hanno chiesto durante i festeggiamenti post partita sotto la curva: “Portateci a Pescara”. E con una semifinale acquisita, la richiesta ci sembra più che lecita. Servono ancora emozioni, come quelle di stasera. Emozioni da brividi.

Condividi articolo su