Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Sgravi fiscali e incentivi: anche il calciomercato ha i suoi benefici

| Interviste | Autore: Redazione

La Serie A piace anche all’estero, sempre di più. Effetto Ronaldo? Anche, ma non solo. C’è un aspetto tecnico ovviamente fondamentale, ma ne esiste anche uno fiscale che sta aiutando, e molto, l’Italia. Una nuova frontiera, a dirla tutta. Ancora poco nota.

cristiano ronaldo IMAGE.jpg

Flat tax che conviene

Partiamo dal gennaio 2017: in Italia entra in vigore una legge (la 24bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi) che agevola in termini fiscali una nuova residenza nella Penisola. Permette a tutte le persone con alto reddito che si trasferiscono in Italia (o agli italiani che hanno trascorso almeno 9 anni sugli ultimi 10 all’estero), di applicare una tassa fissa di 100mila euro di tutti i proventi da fonte estera. Limite massimo: 15 anni. Eccolo, il caso di Ronaldo. Accettare la Juventus non è stata soltanto, per quanto chiaramente predominante, una nuova sfida sportiva da vincere: era un’occasione. Sistemate alcune questioni con il fisco spagnolo, con il trasferimento in Italia Cristiano ha potuto accedere a questa forte agevolazione per tutti i guadagni dall’estero, che corrispondono all’ingresso economico principale da sommare ai circa 30 milioni di euro netti di ingaggio con la Juventus.

hakimi borussia dortmund GETTY.jpg

Ma cosa ci guadagna, di fatto, lo Stato? “Permette a potenziali forti investitori di creare un indotto in Italia”, conferma Alessandro Belluzzo, esperto di pianificazione patrimoniale con studi a Londra, Lugano, Singapore, Milano, Verona  e una rete di contatti molto importante nel mondo sportivo. “In maniera comparativa: in Inghilterra, questa misura è in atto da anni, anche se un po’ diversa. E la Premier ne sta beneficiando eccome. Per i primi sette anni, i redditi esteri non vengono tassati, poi si passa a un contributo flat di 30mila euro l’anno fino al dodicesimo, quando la quota si alza a 60mila per ottenere la stessa agevolazione. Dopo i 15 anni, l’agevolazione non esiste più, come in Italia. Dove però, se si aderisce, si pagano subito 100mila euro. In più, uomini di così grande rilievo attirano altre persone: pensiamo allo staff privato di Ronaldo, per esempio. Per non parlare del turismo...”.

Alessandro Belluzzo GDM.jpeg

Da anni nel Regno Unito, Belluzzo è Presidente della Camera di Commercio italiana di Londra. E con il primo governo Conte ha collaborato alla realizzazione di un altro disegno di legge, poi approvato, volto al rientro del “capitale umano” ora all’estero. “E riguarda anche il calcio”, dice. “Oltre alla legge 24bis del 2017, esiste anche la norma del Decreto Crescita 34 del 2019. Vale per gli stranieri o gli italiani fuori da almeno due anni, che rientrano e spostano la residenza in Italia per almeno due anni. La norma prevede che in tutti i paesi sopra Roma, il 70% della base imponibile del reddito non venga tassato; nel sud addirittura il 90%”. Ciò vuol dire, per esempio, che se una persona guadagna 100mila euro, se ne vedrebbe tassati 30mila al Nord o 10 mila al sud. Il resto non verrebbe considerato.

Pedro 2 IMAGE.jpg

Pedro e i nuovi arrivi

Per i calciatori è un po’ diverso: ai fini del calcolo Irpef, non viene considerato il 50% dell’imponibile (a cui si dovrà aggiungere un contributo “dello sport” dello 0,5%, destinato al potenziamento dei settori giovanili)”. Proviamo a esemplificare: un giocatore come Pedro, nuovo acquisto della Roma, si troverà tassato solo il 50% dello stipendio dopo l’accordo con i giallorossi. Una misura che permetterà alla società di risparmiare in tasse, al movimento del calcio giovanile di avere linfa vitale per il suo percorso e al giocatore di trovarsi un ingaggio netto più alto, visto il risparmio della società sul lordo.

Suarez Barcellona IMAGE.jpg

La logica è la stessa di prima: fare in modo che le persone che possano garantire investimenti importanti nel Paese, siano incentivati a vivere in maniera stabile in Italia. Si tratta di una grande occasione di rilancio. Per tutti, calcio incluso”. Valutazioni che possono riguardare, per esempio, anche Hakimi (nuovo arrivo in casa Inter) o Luis Suarez, obiettivo della Juventus. Il progetto tecnico è fondamentale, ma l’aspetto fiscale ha un peso. Una frontiera per rendere il calcio italiano ancora più competitivo. Con il modello Premier in testa.

Condividi articolo su

Tag

Serie A

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A

Libro GDM