Calciomercato Roma: chi è Azmoun, il 'Messi dell'Iran' che vuole Mouri...
Close menu
Chiudi
Logo gdm
Logo gdm
logo
Ciao! Disabilita l'adblock per poter navigare correttamente e seguire tutte le novità di Gianluca Di Marzio
logo
Chiudi

Data: 23/07/2021 -

Chi è Azmoun, il 'Messi dell'Iran' che Mourinho vuole portare alla Roma

profile picture
profile picture
Profilo e storia di Sardar Azmoun, il nuovo obiettivo di Mourinho per l'attacco che anni fa fu a un passo dalla Lazio
Profilo e storia di Sardar Azmoun, il nuovo obiettivo di Mourinho per l'attacco che anni fa fu a un passo dalla Lazio

Sardar Azmoun è il nuovo nome per l’attacco della Roma di José Mourinho che cerca un rinforzo per il proprio reparto offensivo (QUI i dettagli). Iraniano classe 1995, è un attaccante dotato di ottima tecnica e capace, oltre a segnare, di mandare in porta i compagni di reparto grazie alla sua visione di gioco e intelligenza tattica. Non solo gol, anche assist i compagni: Azmoun è un attaccante completo e moderno, che può spaziare in ogni angolo del reparto offensivo. 

 

azmoun_screen_2gdm.jpg

La storia di Azmoun

Iniziò a giocare a calcio per caso, per la più classica delle storie. Ma andò così davvero: la sua passione principale era quella per la pallavolo e per i cavalli (tuttora il suo hobby preferito). Poi a 12 anni un allenatore gli propose di far parte di una squadra di calcio nata da poco, in Iran. Fu schierato attaccante e iniziò a segnare subito. Non si è più fermato. In patria lo chiamano ‘il nostro Messi’. Paragoni forti che comportano pressioni e grandi attese. Dopo il mondiale in Russia del 2018 lasciò la sua nazionale iraniana per un mese: “Ho ricevuto troppi insulti”. Poi è tornato e ha ricominciato a segnare: è a quota 34 gol in 52 presenze. È secondo solo ad Ali Daei, la vera leggenda iraniana, ancora lontano a quota 109. 

  

azmoun_screen_gdm.jpg

 

 

Nel 2016 Azmoun fu vicinissimo alla Lazio. Igli Tare lo cercò, le trattative avanzarono quasi fino alla fumata bianca. Poi l’affare svanì agli ultimi istanti e Azmoun rimase in Russia. Prima il Rostov, poi il Rubin Kazan e infine lo Zenit, dove si è consacrato: nel campionato russo Azmoun ha segnato un totale di 78 gol in 173 partite. Con lo Zenit il suo definitivo salto di qualità: a San Pietroburgo lo porta Javier Ribalta (l’attuale Managing Director del Parma). Azmoun cambia dimensione ma non soffre le grandi aspettative dell’ambizioso Zenit. Si prende un posto da titolare in attacco e si renderà decisivo per la conquista delle ultime tre vittorie del campionato russo della propria squadra, grazie ai suoi 53 gol segnati in 84 partite. 

 

azmoun_screen_3gdm.jpg

 

Adesso José Mourinho lo ha individuato come principale obiettivo per il suo attacco. Nuova chiamata dall’Italia. Ancora Roma, stavolta sponda giallorossa, dove si respira un ambiente di grande entusiasmo dopo l'arrivo dello Special One. Non resta che cavalcarne l'onda. E per uno come Azmoun, grande amante di cavalli, magari sarà più semplice. 



Newsletter

Collegati alla nostra newsletter per ricevere sempre tutte le ultime novità!