Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

G Factor - Giuseppe Caso, il talento viola che s'ispira a Tevez

| Rubriche | Autore: Ciro Troise

Una vita intera nel vivaio viola, otto anni per la precisione, dai Pulcini alla Primavera. E' la trafila dell'attaccante classe '98 Giuseppe Caso, un'interessante promessa del settore giovanile della Fiorentina che ha naturalmente il viola nel cuore Un profilo che, però, nasconde la passione per un attaccante che, invece, ha fatto più volte male alla Fiorentina. Si chiama Carlitos Tevez, in Italia protagonista con la maglia della Juventus. Giuseppe Caso s'ispira all'argentino, apprezza la sua capacità di svariare per tutto il fronte d'attacco.

Giuseppe, infatti, è polivalente, può essere impiegato ovunque nel reparto offensivo, partendo da destra o sinistra o agendo da punta centrale. La sua imprevedibilità gli ha consentito di essere una macchina da gol fino all'approdo in Primavera. Nei Giovanissimi Nazionali ne segnò 20, negli Allievi Nazionali Lega Pro, giocando sotto età, i gol furono 16 in 17 partite. Un bottino ulteriormente migliorato negli Allievi Nazionali A e B, con diciassette reti che gli valsero il titolo di capocannoniere del girone e convinsero la Fiorentina a fargli sottoscrivere un contratto da professionista. Nella scorsa stagione in Primavera ha trovato meno spazio, giocando sotto età rispetto alla categoria ma ha dato comunque un contributo al gruppo di Guidi, segnando quattro gol in quindici presenze tra campionato, Coppa Italia e Viareggio Cup.

Ma chi è Giuseppe Caso? Nel 2008 un bambino talentuoso che giocava nel Canaletto, una realtà florida di La Spezia, in cui è cresciuto Gianluigi Buffon, passa alla Fiorentina. La segnalazione arriva da una coppia di papà illustri: il padre di Bassi e quello di Bernardeschi, che collaborava per la Fiorentina nella zona di La Spezia. Caso ha poi affinato il suo talento mettendosi in mostra sin dalle prime avventure a livello nazionale, come quando vinse il premio di miglior giocatore al torneo "Niccolò Galli" all'età di tredici anni. Giuseppe ora non è più un bambino, il suo repertorio tecnico è pronto ad esplodere nella Primavera di Guidi. Si dice che chi ben comincia è a metà dell'opera, Caso ha già applicato quest'antico proverbio andando a segno nella Vignola Cup. La sua acrobazia non è bastata ad evitare la sconfitta per 3-1 in finale contro il Sassuolo ma rappresenta una perla fantastica, che ha impressionato gli spettatori sugli spalti. Calcio d'angolo dalla sinistra, controllo di petto e rovesciata che s'insacca nell'angolo opposto.

Una magia che sicuramente trasmetterà entusiasmo e fiducia a Giuseppe in vista dell'inizio del campionato Primavera previsto per il 10 Settembre. La Fiorentina debutterà in casa del Milan in un match molto interessante. Caso è pronto per conquistare la stima di mister Guidi, sognando che l'effetto Chiesa non svanisca e che magari un giorno Paulo Sousa possa concedere a Giuseppe la chance di misurarsi in prima squadra. Il talento c'è, il sogno va coltivato.

Staff: Ciro Troise

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Serie A

Book GDM

Copyright 2014, 2020
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968