Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Esteghlal, i dubbi di Stramaccioni: l'allenatore pronto a lasciare

| Calciomercato | Autore: Redazione

L'ex Inter e Udinese si è preso 48 ore per decidere se continuare la sua avventura in Iran dopo vari attriti con la società legati al mercato e ai nuovi arrivi

L’entusiasmo alla firma, l’adrenalina di una nuova sfida, le sei vittorie in amichevole prima dell’inizio del campionato e adesso i dubbi. Le riflessioni.

Andrea Stramaccioni sta pensando di lasciare l’Esteghlal in Iran dopo appena due mesi, a 10 giorni dall'inizio del campionato. Si prenderà 48 ore di tempo per decidere se continuare. Nonostante l'affetto degli iraniani e una presentazione in grande stile, Stramaccioni sta valutando il suo futuro a Tehran per diversi motivi.

Il primo è l’addio del ds che l’ha portato all’Esteghlal, Ali Khatir, il secondo è legato al mercato. Fin qui è arrivato soltanto Diabaté, ex attaccante del Benevento, mentre gli arrivi di altri giocatori stranieri sono saltati per diverse motivazioni: è il caso di Pucciarelli (Chievo), Dramé (ex Atalanta) e Milić, terzino del Crotone rimandato indietro al momento della firma. La causa della frattura tra Stramaccioni e la società.

L’agente di Milic era a Tehran da due giorni per chiudere l'affare, l'ex giocatore della Fiorentina era arrivato da Belgrado con l’accordo in tasca, tutto fatto, avrebbe svolto le visite e firmato il contratto, ma è stato rimandato indietro ufficialmente per un problema di visto. Il terzo episodio anaologo in 15 giorni dopo quelli di Pucciarelli e Dramé. Dopo il duro confronto in nottata tra le parti, Stamaccioni si è preso 48 ore per decidere se dimettersi o portare avanti il progetto per cui è stato scelto, dopo tante promesse al momento della firma non mantenute. 

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Serie A