Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Effetto Venezia, rincorsa da Toro: così Aramu si è ripreso la B

| Storie | Autore: Francesco Gottardi

C’è un grande festival di musica e teatro a Livorno, per cinque notti ogni estate. È nato più di trent’anni fa per rivalorizzare – con successo, ormai si può dire – il quartiere tutto fossi e palazzi storici di Venezia Nuova. Oggi, in quella autentica e lagunare, ‘l’Effetto Venezia’ investe invece Mattia Aramu. Lo spettacolo, che si sposta dalle strade al campo: punizione a giro che non lascia scampo a Zima e tre punti per la squadra di Dionisi. Contro il Livorno, ex squadra del fantasista come in un gioco di specchi.

È il primo gol di Aramu in campionato davanti al suo pubblico. Quello che rilancia il Venezia (4 vittorie, altrettanti pareggi e sconfitte) e il classe ’93 scuola Toro, fortemente voluto in estate dal nuovo allenatore. In questi mesi aveva già colpito (nel ko a Crotone e due volte in Coppa Italia), ma sul suo rendimento aveva pesato la squalifica per due giornate rimediata contro il Chievo.

Aramu Venezia GDM.jpeg

Tutto alle spalle, ora. A partire dalla retrocessione di due anni fa con l’Entella che aveva convinto Aramu a ricominciare da Siena, in Serie C. Fatica a credersi, per il ragazzo che solo nel 2016 aveva esordito in A con il Torino di Mihajlovic. Il granata una seconda pelle: Mattia vi fa tutta la trafila delle giovanili, rifiuta per quattro volte la Juve e scoppia in Primavera allenato da Moreno Longo. Due buone stagioni in prestito, Trapani e appunto Livorno (i 5 gol del 2015/16 restano il suo career-high in Serie B), per poi assaggiare la prima squadra. E viverla fino in fondo dietro le quinte: ancora oggi continua a giocare alla play con Belotti e ricorda le battute di pesca – altra grande passione – con Baselli e Valdifiori.

Rewind. In Liguria arriva una stagione storta per tutti e Aramu si ritrova per la prima volta lontano da Torino a titolo definitivo. Risponde sul campo alla grandissima, uno dei tanti elementi valorizzati dai bianconeri in questi anni: 35 presenze e 8 gol che portano il Siena a un passo dal ritorno in B. A lui, invece basteranno. L’invito a nozze è il 4-3-1-2 di Dionisi, con il giocatore che dà il meglio di sé dietro le punte. “Sono contento per il suo gol, so che lo cercava”, le parole dell’allenatore dopo l’1-0 sul Livorno. “Dopo la squalifica finalmente Mattia sta riprendendo il percorso di crescita che aveva interrotto: il Venezia conta molto sulle sue qualità.

Venezia Lupo Dionisi Tacopina GDM 2.jpeg

Il numero 10 si presenta alla stampa quasi sollevato, come se avesse ripreso un capitolo ancora più ampio lasciato a metà: “Qui mi sto trovando benissimo. Squadra, società, città: continuiamo così, perché lavorando bene e imparando a conoscerci ci toglieremo delle belle soddisfazioni”. E cosa c’è di meglio della laguna veneziana, per rimettere l’amo in acqua? “Purtroppo non ho avuto ancora il momento per andare a pescare”, sorride Aramu. “A qualche mio compagno piace, speriamo di rimediare presto”.

Intanto, in fondo alla rete del Penzo ci è finito un pallone da tre punti. Meglio di un pesce grosso, i frutti dell’Effetto Venezia.

 

LEGGI ANCHE - ARAMU, RINASCITA A SIENA: "ADDIO TORO, ORA MI RIMETTO IN GIOCO"

WhatsApp Image 2019-11-09 at 19.45.39-1.jpeg

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Serie A

Book GDM

Copyright 2014, 2020
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968