Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Gomis, generazione di portieri: Maurice della Nocerina è il meno battuto d'Italia

| Storie | Autore: Matteo D'Aquila

Meglio salvare la porta dagli attacchi avversari o segnare gol a raffica facendo esultare compagni e tifosi? Dilemma non di semplicissima risoluzione, soprattutto per chi da bambino sogna di fare il calciatore. Nessun dubbio, invece, se di cognome fai Gomis. Questione di DNA, generazione di portieri. Tutti e tre i fratelli Gomis - il quarto, David, è ancora troppo piccolo - hanno infatti deciso di indossare i guantoni e andare a difendere i pali. Il più grande, Lys (classe '89), lo fa in Serie C, alla Paganese, squadra con la quale dovrà disputare i playout nel girone C. Il secondo, il classe '93 Alfred, è il più famoso ed è protagonista di un'ottima stagione in Serie A con la Spal, grazie alla quale sogna la convocazione della Nazionale del Senegal per i Mondiali di Russia. Il terzo, invece, continua a fare grandi prestazioni in Serie D ed ha ottenuto un record invidiabile: Maurice Gomis, della Nocerina, è il portiere meno battuto d'Italia.

Proprio così, la squadra rossonera - terza classificata nel girone I di Serie D - con appena 20 reti subite è la migliore difesa dei quattro principali campionati italiani. Meglio della Juventus, che a due giornate dal termine dell'ennesimo campionato che si appresta a vincere ha già incassato 23 gol, e dell'Empoli dominatore in Serie B, che di reti ne ha prese addirittura 48. Meglio anche delle squadre che hanno vinto i tre gironi di Serie C, Livorno, Padova e Lecce, che hanno subìto rispettivamente 38, 27 e 30 reti. Numeri non casuali, merito soprattutto dell'importante organizzazione difensiva della Nocerina e del rendimento elevatissimo del 'piccolo' Gomis. Nelle 26 gare in cui è stato impiegato, infatti, il portiere classe '97 - cresciuto come i due fratelli maggiori nel settore giovanile del Torino - ha incassato soltanto 17 gol, mettendosi in mostra con parate decisive che non hanno lasciato indifferenti club di categorie superiori.

Tanto lavoro, voglia di migliorare e nessun segreto speciale per il gigante italo-senegalese, che ha nei suoi due fratelli-colleghi e nel piccolo David i più grandi fan. Rapporto strettissimo quello di Maurice con Lys e Alfred, chiamate costanti nel corso della settimana e consigli all'ordine del giorno. Un patto tra i tre fratelli, ognuno guarda le partite degli altri per poi avere un confronto e dare un giudizio finale. E tra gli aspetti positivi e quelli negativi che vengono sottolineati da ognuno, la crescita del giovane Gomis risulta visibile e costante. Già protagonista nella passata stagione della vittoria del campionato di Serie D con il Cuneo, Maurice Gomis è adesso atteso dai playoff con la Nocerina, ma intorno a lui si è già mossa qualcosa: "Siamo soddisfatti di quello che Maurice ha fatto in questa stagione - ha detto ai microfoni di GianlucaDiMarzio.com Daniele Sorintano, agente del portiere insieme a Jimmy Fontana - perché si è confermato su livelli importanti dopo aver vinto l'anno scorso il campionato a Cuneo. Quest'anno ha fatto benissimo con la Nocerina, perdendo insieme alla sua squadra la possibilità di essere promosso in Serie C soltanto nelle ultime due partite. Ma il fatto di essere il portiere del club con la difesa meno battuta d'Italia ha fatto in modo che diverse società professionistiche si siano interessate a lui. Ci sono trattative in corso, ma lui deve stare tranquillo". Il futuro è tutto da scrivere, intanto il 'piccolo' Gomis si gode il record con la Nocerina e i consigli dei fratelli. Questione di DNA per i Gomis, una generazione di portieri.

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Serie A