Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Lechia Danzica, Krasic: "Juventus? Pirlo, Vidal e tanti altri top-player: era troppo per me"

| News calcio | Autore: Redazione

Che fine ha fatto Milos Krasic? Nel 2010 arrivò in Italia come uno dei migliori esterni del panorama calcistico europeo: fu un flop. Oggi Krasic gioca con i polacchi del Lechia Danzica e La Gazzetta dello Sport ha pensato di andare a trovarlo per scoprire alcuni misteri della sua carriera.

"Da due anni sono in questa piccola squadra della Polonia, ma una bella città e lo stadio è caldo" - racconta l'esterno serbo - "L’anno scorso siamo arrivati a metà classica e ho giocato bene: quattro gol e cinque assist. Da quest’anno faccio pure il capitano". Krasic torna sull'esperienza nella Juventus:  "Si aspettavano di più? Ne sono consapevole, sono il primo a riconoscerlo: adesso, però, sto bene, ho trovato la mia dimensione. In Italia mi è mancata fortuna, forse il carattere: non ho la giusta ambizione per emergere. Ma, anche se la squadra non è andata bene, quell’anno in bianconero con Delneri non posso dimenticarlo. Mi ha accolto subito in un nuovo Paese e in un campionato difficile: è molto umano, sa capire i problemi e sa insegnare. Il suo 4­-4­-2 era perfetto per me. Si meritava una grande carriera e forse, come me, quell’anno ha perso la sua occasione. Adesso all’Udinese farà bene: c’è un ambiente sano e, se ha tempo, lui sa fare giocare bene le squadre. Può davvero rilanciarsi, se lo merita".

Juventus-Udinese sarà il debutto di fuco sulla panchina dei friulani per il suo ex allenatore: "Certo e  vedrò la partita. È difficile battere la Juve allo Stadium ma, in fondo, io resto sempre juventino: ho vinto uno scudetto anche io con quella maglia... Conte? Il cambio di modulo mi ha penalizzato, nel 3­-5­-2 non c’era più posto per me. E poi erano arrivati giocatori di un livello superiore, lo ammetto: una squadra in cui ci sono PirloVidal e altri top player, forse era troppo per me. Ma non do mai le colpe agli altri, magari potevo semplicemente allenarmi meglio e applicarmi di più: la responsabilità sono solo mie, non certo di Conte. Lui era un martello, forse troppo duro ma preparatissimo: non mi stupisce che abbia fatto questa carriera. Resta uno dei migliori".

Adesso la Juventus è guidata da Allegri: "Me lo ricordo al Milan quando vinse lo scudetto: si capiva che era bravo e che avrebbe fatto strada. Adesso ha in mano una squadra super con Pjanic e Higuain. Ormai è al livello delle quattro-­cinque che possono vincere la Champions. Mi piacerebbe davvero, in Europa tifo solo Juventus. Cuadrado è un gran giocatore, ma Dani Alves è forse il migliore nel suo ruolo e il fatto che sia arrivato a Torino dà l’idea della nuova squadra. In più, Lichtsteiner me lo ricordo eccome: sempre avanti e indietro... Con chi sono rimasto in contatto? Purtroppo con nessuno, anzi mi piacerebbe salutare gli italiani della difesa: Buffon, Barzagli, Chiellini e Bonucci. Fin quando c’era il mio amico Vucinic, mi sentivo più spesso: lui è un po’ come me, avesse avuto la grinta di un Tevez, sarebbe stato l’attaccante perfetto".

Carriera? La parabola discendente è continuata, ma va bene così: "Dopo la Juve andai al Fenerbahçe, una grande piazza e un’ottima squadra. Molto bene i primi due mesi, poi un infortunio alla coscia e non sono riuscito più a impormi anche perché arrivarono nuovi giocatori. L’anno dopo sono finito in prestito al Bastia, in Francia, e quello dopo mi sono allenato con la seconda squadra del Fenerbahçe. Poi eccomi qui in Polonia: non gioco più largo sulla fascia, ma mezzala destra e sinistra. Tutti mi chiedono sempre se ho rimpianti di certe grandi partite... Rimpianti? Ne ho, ma sono felice lo stesso".

 
Condividi articolo su

Tag

Potrebbe interessarti


Book GDM

Copyright 2014, 2021
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968