Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Atalanta-Empoli, Dragowski super: mai tante parate dal 2004

| News calcio | Autore: Redazione

Il portiere polacco ha compiuto 17 parate nel match contro i nerazzurri: mai nessun portiere le aveva fatte così tante in una singola partita dalla stagione 2004/2005

Soffriere, resistere. Farlo anche grazie al proprio portiere, che vive una serata di grazia. L'Empoli è riuscito a strappare un punto a Bergamo, frenando in parte la corsa europea dell'Atalanta e portando a casa un risultato utile per le speranze salvezza. Il Bologna, adesso, dista due punti e niente è ancora scritto. La squadra di Andreazzoli si prepara ad ospitare la Spal nel prossimo turno di campionato, un match dall'importanza vitale. 

L'Atalanta ha tentato sette tiri nello specchio nei primi 45 minuti di gioco, nessuna squadra ha fatto meglio in un primo tempo di questo campionato. La paura inziale per il tentativo di Farias, poi uno show. "Sembrava un'esercitazione per il mio attacco" Le parole, con il sorriso, di Gasperini nel post gara. 

Gasperini Atalanta IMAGE.jpg

Un attacco che però ha trovato un muro. Quello di Dragowski, in versione insuperabile. 17 le parate del numero uno azzurro, diciassette. Record assoluto per un estremo difensore dalla stagione 2004/05. Ha parato i tiri di tutta l'Atalanta praticamente. Da Zapata ad Hateboer, passando per De Roon, Freuler ed Ilicic. 

"E' stato super" Le parole di Andreazzoli. Che se lo gode. Perché il polacco è arrivato a gennaio dopo una prima parte di stagione non entusiasmante alla Fiorentina. Solo tre le presenze, diventate nove in azzurro. Contro i nerazzurri ha tenuto la porta inviolata per la seconda volta da quando ha cambiato squadra. Non gli accadeva dallo scorso 17 febbraio, dalla vittoria per 3-0 sul Sassuolo. Beh, per salvare l'Empoli serviranno altre prove del genere. 

andreazzoli.jpg

 

 

 

 

 

 

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato


L'editoriale
Redazione