Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Watford, Okaka racconta la sua esperienza in Premier: “Non so cosa mi riserverà il futuro. In passato fui vicinissimo al Milan”

| Interviste | Autore: Alberto Trovamala

Una stagione dal retrogusto amaro. Amarissimo per certi versi. Stefano Okaka non riesce a darsi pace. E pensare che questa “sarebbe potuta essere una stagione fantastica. Qui al Watford quest’anno non sono mai stato infortunato ma sono sempre stato escluso per scelte tecniche. Sono state dette falsità nei miei confronti. Mi sono allenato anche da solo e non è stato bello affrontare queste situazioni. È stato un anno e mezzo particolare, vediamo cosa mi riserverà il futuro”.


L’annata che a 28 anni sarebbe potuta valere la definitiva consacrazione, si è trasformata in un incubo per l’attaccante italiano. 12 presenze in Premier, 1 gol, 1 assist e diverso tempo trascorso ad allenarsi da separato in casa. “Si sono susseguiti problemi che non riesco ancora a spiegarmi e sono stato messo fuori”, ha dichiarato in esclusiva per GianlucaDiMarzio.com. Inizialmente un rapporto mai decollato col manager Marco Silva, poi “è arrivato un nuovo allenatore (Javi Gracia, ndr) che mi sta impiegando e penso di essere riuscito a dare una mano alla squadra quando chiamato in causa. Ovviamente i miei obiettivi iniziali erano altri ma se la vita mi ha dato questo ci sarà un motivo…”.


Stefano e il Watford non sono riusciti a trovare una soluzione nemmeno in sede di mercato: “Ad agosto ero molto vicino a Siviglia ma sarei rimasto a Watford se le cose fossero andate in modo normale. Poi tuttavia col Siviglia non andò a buon fine perché non venne trovato l’accordo l’ultimo giorno di mercato. La stessa cosa è successa anche a gennaio col Galatasaray, sempre l’ultimo giorno. Ora aspettiamo fine stagione e vediamo per il prossimo anno…”. Qualcuno l’aveva accostato anche al Milan ma “erano solo voci. In passato invece sì, lo ammetto: sono stato molto vicino al Milan ai tempi della Samp. In blucerchiato mi trovai benissimo ma negli ultimi mesi, anche a causa del mio contratto, ci sono state incomprensioni”. In pratica “non ho più giocato negli ultimi 3 o 4 mesi e anche il Milan credo abbia fatto altre valutazioni non vedendomi più in campo. Così dovetti andarmene e ricominciare dall’Anderlecht”. Ora però Okaka non chiude le porte ad un ritorno in Serie A: “Può succedere di tutto. Guardo sempre il campionato italiano”. E nemmeno alla maglia azzurra: “Sogno di tornare in Nazionale e posso giocarmi le mie carte. So che Ventura mi avrebbe tenuto in grande considerazione se l’Italia fosse andata ai Mondiali e se avessi avuto continuità col Watford”.


Prima di pensare a cosà accadrà tuttavia “voglio finire la stagione nel miglior modo possibile perché purtroppo ho perso gran parte del campionato nonostante l’avessi iniziato alla grande segnando contro il Liverpool”. Ma attenzione: nessun rimpianto da parte di Okaka. “Ho fatto tutto il possibile: mi sono allenato, ho giocato e ho fatto gol. Più di questo non posso fare. Tranne durante la prima parte di carriera quando ero molto giovane ed il calcio non rappresentava la mia priorità, ho sempre cercato di dare il massimo”.



Stefano, diventato calciatore “grazie a mio fratello e a Ronaldo il fenomeno, il mio idolo. Quando papà mi regalò la videocassetta di Ronaldo mi esaltavo davanti alle sue giocate: è stato il più forte di sempre,” non si sarebbe mai aspettato tutto ciò quando è approdato in Premier. Per strappargli un piccolo sorriso serve ricordargli che qualcuno dalla sua parte c’è. Ad esempio, i tifosi degli Hornets l’hanno sempre acclamato: “Quando non mi vedevano più giocare hanno incominciato a chiedere di me. Ora, quando metto piede in campo, allo stadio sento molto il loro affetto. Hanno stima nei miei confronti e per chi non gioca da tempo ciò lascia intendere che secondo loro qualcosa posso dare alla squadra”. Un bel feeling non solo coi tifosi ma anche coi compagni di spogliatoio: “Sono un tipo molto giocherellone e spesso sono vittima anche di scherzi. Per farvi un esempio, quando nevicava, mi hanno messo la neve sui vestiti! Abbiamo anche un bel rapporto coi fisioterapisti, sono davvero simpatici e a scherzare con loro ci divertiamo molto”.


Per il resto, fuori dal campo Okaka trascorre la sua vita soprattutto nei pressi di Hadleywood, zona a nord di Londra in cui risiede, a due passi dal centro sportivo del Watford, dove spesso viene pizzicato al ristorante ‘Skewd’ davanti ad una grigliata mista alla quale proprio non riesce a resistere. E nel tempo libero “vado in centro a divertirmi un po’. Mi piace molto la musica e le consolle. Sono appassionato anche di pallavolo: da piccolo ci giocavo e la seguo ancora. Sono spesso insieme a Pereyra: abbiamo legato molto anche se lui vive più verso il centro e quindi non è semplice vederci tutti i giorni”.


Sognando di dedicare sempre maggior tempo alla sua altra grande passione: i viaggi. Sulla sua agenda una tappa ben precisa sottolineata in rosso: la Nigeria. “Ci sono stato una sola volta da bambino però, appena sarò più tranquillo e libero, andrò con tutta la mia famiglia. Ho ancora tutti i parenti là e prima o poi dovrò tornare a conoscerli. Sono molto legato alle mie origini”. Nigeria e... “mi piacerebbe visitare anche il Giappone un domani, a meno che non vada a giocare là – ride-! E vorrei tornare in America”. Per i viaggi tuttavia ci sarà tempo. Ora per Okaka la priorità è quella di rendere un pizzico più dolce - magari con un gol - una stagione davvero amara, in vista di una nuova avventura.

VIDEO:

[videosky id="408050"][/videosky]

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Calciomercato

Serie A