Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Praet, Schick e Muriel: la Sampdoria torna a vincere, la Roma recrimina

| News calcio | Autore: Marco Bovicelli

Prima gioia Praet, ancora Schick, riecco Muriel: Roma ko al Ferraris, la Sampdoria torna a sorridere. E a vincere. Non accadeva dal 2-0 di Torino (granata). Da lì in poi solo due pareggi, tante sconfitte e una pioggia di critiche: dalla panchina al campo, passando per il mercato. 'Gioco troppo prevedibile e a Roma in Coppa non se l'è giocata, Muriel è sempre l'eterna promessa mai esplosa davvero, troppi centrocampisti e poi in difesa non c'è nessuno'. Solo alcuni dei commenti in loop dalle parti di Bogliasco. E poi gli episodi: dall'espulsione di Silvestre a Napoli (e Giampaolo che decide di non commentare) al rigore di Bergamo (con la società in silenzio stampa). Fino ad arrivare ad oggi, in campo la Roma a caccia della quinta vittoria consecutiva. Quella della prima volta maglia giallorossa sulle spalle di Bruno Peres e del quindicesimo gol in stagione di Edin Dzeko, ma non bastano. A tenere in partita una Sampdoria quasi perfetta ci pensano la prima gioia in A di mister dieci milioni Dennis Praet e, ancora una volta, Patrik Schick subito in gol a pochi secondi dall'ingresso in campo.


A ribaltare tutto ci pensa lui, l'eterna promessa per tanti destinata a restare inesplosa: non accadeva da tanto, troppo per chi ha il nove sulle spalle. Non accadeva dall'altro tre a due in rimonta del Ferraris, quello col Sassuolo del venti novembre scorso. Oltre due mesi. Due mesi di voci, clausole da ritoccare, e gli stessi dubbi di sempre. 'È partito bene, ma... '. La risposta di Muriel è arrivata dal campo, quello di Bogliasco in settimana e del Ferraris oggi. Assist per Praet e gol fa tre punti sotto la sud a far esplodere Marassi. E Ferrero in tribuna, sciarpa blucerchiata al vento, e poi in campo insieme ai suoi ragazzi. La Roma ci prova fino all'ultimo, Dzeko pareggia (in fuorigioco) nel recupero. Tutto da rifare. È del bosniaco l'ultima occasione, con Bereszynski che lo stende in area ma Mazzoleni non concede il rigore per fuorigioco (che non c'è) dell'attaccante. Non c'è più tempo. Vince la Samp, che torna a sorridere. La corsa della Roma si ferma a Marassi, tra le proteste giallorosse per un rigore non concesso e un fallo (di Rudiger su Schick) che sembra non esserci, mentre la Juve allunga a più quattro.

Condividi articolo su

Calciomercato