Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Lazio-Roma, Inzaghi: “Corsa Champions? Non siamo più gli intrusi, vogliamo questo sogno”

| News calcio | Autore: Redazione

Un pareggio che soddisfa Simone Inzaghi, almeno per quel che riguarda la prova fornita dalla sua squadra. “I ragazzi sono stati bravissimi, hanno fatto un’ottima gara. In campo eravamo messi bene, la sensazione era quella di riuscire a pungere la Roma, abbiamo sofferto qualcosa solo in inferiorità numerica. Tralasciando l’occasione di Bruno Peres siamo stati bravi. La partita d’andata ci ha insegnato qualcosa, abbiamo alleggerito la loro pressione. Con l’occasione di Marusic abbiamo provato a vincere, anche in 10 uomini”, le parole dell’allenatore della Lazio in conferenza stampa.

Simone Inzaghi ha poi parlato così del prossimo impegno di campionato contro la Fiorentina: “È in un ottimo momento, Pioli la sta alleando molto bene. Dobbiamo recuperare le energie mentali che abbiamo speso, ci manca un obiettivo importante e daremo tutto in queste ultime sei gare. Questa sera potevamo essere stanchi, è vero, ma siamo stati sempre in partita. Grazie ai nostri tifosi ci sono state le energie che mancavano, con la coreografia hanno fatto qualcosa di speciale. Resterà negli anni. La stanchezza non si è fatta sentire nonostante la trasferta e le 48 ore in meno di riposo”,

Simone Inzaghi ha poi parlato così ai microfoni di Sky Sport: “Sapevo che la squadra doveva mettere in campo tanto cuore, l’atmosfera del derby ci ha dato grandi energie: siamo stati bene in campo, abbiamo concesso qualcosa dopo l’espulsione, prima solo occasione di Bruno Peres. Siamo stati bravi e anche in 10 e abbiamo rischiato di vincere la partita”. L’allenatore della Lazio analizza poi la corsa Champions: “Mancano 6 partite e abbiamo davanti a noi un obiettivo chiaro e inaspettato a inizio stagione, ora inizia un mini campionato. Cosa ho detto ai ragazzi? Che dovevano essere orgogliosi di quanto fatto fino a questo momento. Dopo 32 giornate non siamo più gli intrusi, ma siamo seri pretendenti a un sogno. Il cambio di Felipe Anderson? Bisogna fare delle scelte, ho la fortuna di allenare ragazzi intelligenti e Felipe Anderosn è uno di questi e ci sta aiutando tantissimo. Dovevo scegliere di sostituire uno tra lui e Immobile e ho cambiato lui perché più stanco. Bisogna chiedere anche a Luis Alberto come ci si sente, dopo sei mesi fatti a certi livelli, a partire dalla panchina", ha concluso Simone Inzaghi.

Condividi articolo su

Tag

Lazio


Gdm mondiale
Giacomo Chiuchiolo