Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

La Croazia può vincere il Mondiale?

| Storie | Autore: Marco Bonomo

“Suker approfitta di un fuorigioco sbagliato dalla linea difensiva francese e porta in vantaggio la Croazia. I sogni di gloria dei ragazzi di Blazevic si infrangono però sulla doppietta di Thuram, che porta la Francia in finale”. Sono passati 20 anni dalla prima e ultima grande Croazia, quella di Francia ’98. La prima Croazia a partecipare ad un Mondiale, figlia della disgregazione jugoslava e con una storia di incroci e melting pot dietro ognuno dei giocatori. Pur reduce da un ottimo Europeo del ’96, quella era una squadra forse non pienamente consapevole dei propri mezzi, il cui talento era tenuto assieme non tanto dai dettami tattici, ma da quell’alchimia un po’ misteriosa che caratterizza le prime volte. Non ci sono più Boban, Prosinecki, Suker, Vlaovic e Stanic, ma Modric, Rakitic, Mandzukic e Perisic. La Croazia di oggi torna a giocarsi una semifinale mondiale senza quella leggerezza, ma con una coscienza dei propri mezzi ed un’organizzazione tattica che forse la rendono meno imprevedibile, ma più dura a morire.











Il Mondiale, fin qui, della Croazia è stato di difficile interpretazione: in un girone sulla carta non facile, gli uomini di Dalic si sono sbarazzati di Argentina, Nigeria e Islanda. Superare la fase a gruppi, d’altronde, era l’obiettivo minimo per questa generazione di calciatori arrivata probabilmente a giocarsi l’ultima grande occasione a livello internazionale. Proprio per questo, forse, dagli ottavi in poi è subentrata un po’ di paura. Le partite contro Danimarca e Russia sono state molto simili, sia per come si sono sviluppate e concluse, sia perché la Croazia si è un po’ incartata su se stessa, dando l’impressione di non saper sfruttare le frecce del proprio arco. Sono mancate soluzioni soprattutto in fase offensiva, nonostante gran parte del gioco sia stato tra le mani (i piedi) del centrocampo croato. E come potrebbe essere altrimenti, quando Modric e Rakitic giocano uno di fianco all’altro? L’ordine tattico con cui Dalic ha plasmato la Croazia, è forse sia la cura che la malattia: perché la Croazia ha sì una forte identità adesso, ma ne ha soltanto una. Un’orchestra che suona una buona sinfonia e si affida spesso agli assoli dei suoi talenti, ma che va in difficoltà se cambia lo spartito. Due vittorie thrilling ai calci di rigore però, potrebbero aver segnato il punto di svolta per questa squadra, liberandola mentalmente: via gli spettri delle delusioni passate, via le aspettative. La semifinale contro l’Inghilterra come l’inizio di un nuovo Mondiale.









E poi c’è lui. C’è Luka Modric, che finora non ha sbagliato nemmeno una partita. Il fulcro del centrocampo croato, il porto sicuro quando le acque non sono calme. Modric, che ha affrontato e brillantemente superato il personale momento sliding doors della sua carriera con la maglia a scacchi – ovvero i minuti tra il rigore sbagliato nei supplementari contro la Danimarca e quello realizzato durante “la lotteria” – e che ha già vinto svariate volte il premio di man of the match. Ma Modric non è un premio a fine partita e non è nemmeno un rigore segnato o sbagliato (sebbene quei centimetri abbiano fatto tutta la differenza del mondo). Modric è visione di gioco, letture, difendere e attaccare seguendo gli stessi principi e sfruttando la propria superiorità mentale ancor prima che tecnica. È stato per Cristiano Ronaldo (insieme a Kroos) quello che Xavi e Iniesta sono stati per Messi. Può essere per la Croazia di Mandzukic il lottatore, di Rakitic il freddo, di Perisic il turbo incostante… il collante che sigillerebbe un trionfo più che storico. Quello di un paese di 4.154.200 abitanti, che questa sera si fermerà per 90 minuti. O forse 120 e qualcosa?

Condividi articolo su

Calciomercato

Serie A