Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

La coppa, la separazione e il ritorno: Mario + Wes = 45 +10. A Nizza c’è la coppia Triplete, sfumature di Sneijder e Balotelli

| Storie | Autore: Edoardo Colombo

45 + 10 = Mario + Wesley. Un’equazione perfetta, determinata. Una formula tutta nerazzurra, memorabile, mega nostalgica. E ne sono passati di anni, sì. Anzi, ‘Ouì’: sfumature oggi francesi in un vecchio miracolo Internazionale. Prendete un italiano e un olandese, un attaccante e un trequartista, insomma: rimettete assieme Balotelli e Sneijder. Così diversi un tempo, molto simili oggi. Questione di ambizioni e desideri comuni. Dal nerazzurro al rossonero, evoluzioni di due carriere parallele alla fine riunitesi. In Francia, al Nizza: là, nella nuova terra di Neymar, in una Ligue 1 sempre più dai caratteri italiani.


E allora meglio immortalare subito il momento. ‘Instagrammando’ il passato, accarezzando un storia scritta in due: “Vamosssss”. Carichissimo, Balo: che ieri notte ha postato subito la gioia per il compagno ritrovato.Il tutto mentre Wes arrivava in Francia nelle prime ore del mattino per completare gli ultimi dettagli della sua nuova storia. Sorprese da gran calciomercato, già. In un estate bollente, movimentata: dalla tentazione Sampdoria al tentennamento. Fino a una domenica da Nizza. E chissà ora quale trama verrà composta, a quale disegno sportivo assisteremo. Un po’ come quando quel 10 approdò all’Inter dal Real Madrid, perché nessuno poteva minimamente immaginare quale imprese si sarebbe divertito a scrivere nel 2010 con i suoi compagni. E con Mario, anche. Racconti di due talenti opposti. Storie di mentalità e regole diverse. Dicotomie interiste che, all’improvviso, diventano nizzarde. Mourinho prima, Favre ora. Dal pragmatismo alla fantasia. Tre, due, uno: partiamo, illuminati da una scia verticale a noi ben conosciuta. Quella di Sneijder e Balotelli.

Antitesi


Due tipi spontanei. Caratteri e piedi d’eccezione. Ragazzi cambiati nel corso degli anni, talenti maturati in un percorso tutto loro. Storie di sfide, gloria, rabbia, multe e pettegolezzi. Merito delle intuizioni. Come nel derby d’esordio contro il Milan, quando Snijder regalò subito pennellate della sua classe: “Quanto eravamo forti! Dopo una settimana, ho detto a mia moglie: 'questa è una squadra'. E alla fine, abbiamo vinto tutto". Destino da 10, sì. Perché con Mourinho fu amore a prima vista: “Non lo conoscevo per niente”, eppure “a Madrid cominciò a mandarmi dei messaggi, dicendo che conosceva perfettamente la difficoltà della mia situazione lì. Mi assicurò che per me voleva il meglio, che dovevo lasciare Madrid per diventare uno dei suoi giocatori più importanti”. Detto, fatto. “Mi disse anche: 'voglio vincere la Champions. Se vieni, insieme ci possiamo riuscire'. E come andò a finire lo sappiamo bene.


Armonie perfette. Cose da numero 10, numeri e classe in una squadra con la media del 32% di possesso palla quell’anno. Eppure Wes poteva tutto: spiegava e armonizzava. Decideva. E soprattutto aveva la tendenza a risolvere problemi all’ultimo minuto, come a Kiev: la battaglia del cuore, al freddo, ribaltando l’impossibile. Sneijder fu proprio l’eroe del Triplete che fece innamorare ogni singolo tifoso interista. Dimenticandosi delle difficoltà di Madrid e rifiorendo nella grigia Milano, consacrandosi al mondo. E battezzandosi, perché “ad Appiano Gentile c’era una cappella e un sacerdote, lì sono stato battezzato e ho ricevuto la cresima”. Questione di fede, “Dio mi ha dato forza, anche se non prego mai sul campo: lo faccio prima di ogni partita, magari in spogliatoio”.


Carriere parallele, dicevamo. Storie diverse, però: perché se Wes entrava nella storia, Mario provava a crescere. A capire il calcio. “O diventa un fenomeno o non diventa niente”, disse Mancini prima di Mourinho. Tra feeling e vittorie diverse: Perché il Mancio è capace di tirare fuori dai giocatori il 100%, con me lo fece eccome. E la mia vittoria più bella in nerazzurro è il primo scudetto, per me un brivido indimenticabile”. Altra roba quella Champions. Alternata da cose pazzesche e cavolate senza senso. Dall’incredibile gol in punizione contro il Rubin Kazan ai mugugni di San Siro seguiti dal lancio della maglietta dopo un suo errore. Il tutto in una notte pazzesca, battendo 3-1 il Barcellona. Ha rovinato la festa”, tuonò Zanetti. Talento e racconti di una mente al tempo immatura, ragazzo incorreggibile:È da un po’ che non ci incontriamo. Lui è un bravissimo ragazzo, ma è un po’ pazzo. Lo era già quando giocavamo all’Inter”. Pillole di Wes all’inizio dell’avventura al Galatasaray proprio sull’ex compagno, Mario. Talenti divisi, separazioni diverse dopo il Triplete. Uno riconfermato, Wes, l’altro scartato e spedito in Premier League. Di mezzo, poi, aneddoti e retroscena di ‘rimpatriate’ milanesi. Tra Vodka, belle donne e brindisi in discoteca, il tutto nel novembre del 2011. Wesley e Mario riuniti in un locale, senza pallone. Ma sarà un’altra storia ora.


E adesso un altro sogno, assieme


Le loro carriere hanno preso sentieri diversi. Cammini e viaggi essenziali, tappe ed esperienze: la Premier, il City e il Liverpool per uno. La Turchia, Galatasaray, per l’altro. Sfumature e tanti anni lontani, lontanissimi. Fino al rossonero comune, quello che Balo ha vestito al Milan. Ma soprattutto quello che ha scelto di indossare a Nizza: tornando ad essere un vero calciatore. Riabilitandosi. “Balofolie”, oui: termine coniato in Costa Azzurra per metaforizzare la sua emotività. Trovando nuovamente la voglia di giocare al calcio. Col pallone prima dei soldi e delle macchine di lusso. E con i gol, soprattutto. 17 totali al primo giro di corsa, esultando: piccolo indizio per la felicità. Tra scherzi e sorrisi. Senza i colpi di tacco inutili, lasciando da parte i ‘fallacci’ e le sequenze di finte fini a sé stesse. E ora, in più, Wes. Notizione da festeggiare: accordo di un anno con opzione per il secondo per una cifra attorno a 1.8 milioni di euro più bonus. Una gioia in più per Balo, un acquisto prezioso per Favre. Ah, una preoccupazione in più per Sarri e il Napoli. Perché sarà subito Europa, da un Triplete ad un preliminare di Champions League assieme. Sette anni dopo, di nuovo uniti: 45 + 10 = Mario + Wesley. Un’equazione perfetta, determinata. Una formula memorabile, mega nostalgica. Tutta nerazzurra, ops: rossonera.


Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato

Serie A