Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Juventus, Cancelo: "Grazie all'Inter gioco con i migliori al mondo"

| News calcio | Autore: Redazione

L'esterno portoghese, ex Inter, ha parlato in esclusiva a Dazn alla vigilia del Derby d'Italia: "Allegri fra i migliori al mondo, ho tanto da imparare da lui"

Inter-Juve è una partita speciale per tutti. E' pur sempre il Derby d'Italia, poco importa se non conta molto in termini di classifica (almeno per i bianconeri ovviamente). Sarà una serata particolare soprattutto per Cancelo che, a questo punto dell'anno, la scorsa stagione vestiva il nerazzurro. Poi il mancato riscatto, il momentaneo ritorno al Valencia e infine il passaggio alla Juventus. 

"Quando sono arrivato in Italia non è stato facile - ha raccontato l'esterno portoghese in esclusiva a DAZN - in Spagna si punta più sulla tecnica, qui si preferisce la tattica. Spalletti mi ha aiutato molto, insegnandomi concetti nuovi. Quei sei mesi all'Inter sono stati importanti perché mi hanno permesso di arrivare alla Juventus, la miglior squadra in Italia con uno dei migliori allenatori al mondo, da cui devo apprendere tanto". 

cancelo2.jpg

Insomma, solo parole al miele per la Juventus e il suo allenatore: "Posso parlare solo bene di Allegri - ha continuato Cancelo - ha vinto molto qui e al Milan. Se sono ciò che sono diventato, molto lo devo a lui". Cancelo che è cresciuto nel mito di Dani Alves: "Ha scritto la storia del calcio, diventerà una leggenda quando si ritirerà" E che studia Cristiano Ronaldo: "Mette sempre lavoro, talento e dedizione ed è per questo che è uno dei migliori di tutti i tempi. Se ha vinto 5 Palloni d'Oro è per tutto l'impegno che mette. È un atleta e un professionista incredibile, i più giovani devono imparare da lui”.

Cancelo Juve IMAGE.jpg

30 presenze, un gol e otto assist fin qui per Cancelo: "In questa stagione ho imparato tantissimo. Sono migliorato anche perché mi sono allenato con i migliori al mondo. Ronaldo, Douglas Costa, Dybala, Alex Sandro, Bonucci, Chiellini... grandi uomini e grandi professionisti. Voglio diventare uno dei più forti. Il primo a colpirmi? Pjanic, perché sapeva cosa fare ancora prima che gli arrivasse il pallone". 

 

Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato

Serie A