Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Contestato, poi... accontentato. Lazio, adiós Biglia: storia di un capitano atipico

| | Rubriche | Autore: Francesco Pietrella

Auronzo, Dolomiti: è il #BigliaDay. Nel bene e nel male. Prima le visite in Paideia giovedì, poi l’arrivo in ritiro e il primo allenamento con la squadra. Infine, in serata, l’annuncio: “E’ fatta col Milan”. Ultima puntata di una telenovela durata mesi. Intricata, contorta, da mille sfaccettature. “Montepaone a casa Milan?”. No, non è lui. E giù di misteri. “Ah, il giorno dopo va in Paideia”. Lui, lui. E Biglia che saluta, da solo, in silenzio. Pronto a togliersi la fascia da capitano. “Maledizione” targata Lazio, da Nesta a Cesar. Fino a Oddo. Il Principito “se va”. Come tutti gli altri, ma a modo suo: perché Biglia - tecnicamente - non è stato uno dei tanti. Fondamentale. Regista di base con intelligenza e senso tattico, interditore e ragionatore. “Tranquilli, ci penso io”. Centrali che si allargano, lui in mezzo: un must di casa Lazio.

Odi et amo, grande giocatore ma… personalità? Rivedibile secondo alcuni, pareri discordanti tra i tifosi. Shanghai docet. Biglia si presenta in conferenza con la fascia al braccio, prima della sfida con la Juve, ma sul futuro risponde vago: “Può succedere di tutto”. Dopo l’investitura, i dubbi. E l’insoddisfazione dei tifosi. In sintesi, Biglia capitano per convincerlo a restare. E lui? Incerto. L’ennesimo capitolo del tema: “Cose da non dire in conferenza stampa". Da lì, fino ad oggi: una storia di 113 presenze e 16 gol. Un capitano atipico, silenziosissimo, quasi in disparte. Contradditorio, sì. Grandi capacità tecniche da un lato, scarsa leadership dall'altro. Benvoluto dal gruppo, questo sì, ma mai veramente guida morale. Più tattica. Arrivò alla Lazio nel 2013, lo volevano in tanti, ma lui scelse l'Olimpico per rilanciarsi dopo la depressione per la morte del padre: "Sono stato chiuso 10 giorni in una stanza buia. Mi scoppiava la testa, i medici mi hanno prescritto un sacco di medicinali, anche antidepressivi". Rinascita. Rivincita.

Sorrisi? Prima zero. Un po’ per carattere. Lui è così, pacatissimo. Timido. Ma adesso forse sì dai: Biglia accontentato. Ebbè, dopo una giornatina così: 24 ore da suspance come nei film d’azione. Autografi e selfie al termine della seduta, qualche tifoso gliela butta lì: “Allora? Vai al Milan?”. Biglia risponde così: “Non credo”. “Vabbè – direte voi – è il capitano, potrebbe mai dire “vado al Milan?”. Qualche ora dopo è quasi ufficiale. Stato d’animo chiaro, visibile, emblematico. E tutto tace. Indifferenza mattutina, ma nel pomeriggio c’è qualcosa: prima un breve colloquio coi senatori della squadra, Lulic e Radu. Poi l’allenamento e… la contestazione. Eccola qui. Un gruppetto di tifosi della Nord inizia ad insultarlo: “Indegno!”. E ancora: “Alza i tacchi e vattene a Milano, il biglietto lo paghiamo noi”. Vola anche un “capitano di me…”.

Un “porti sfiga” che non guasta mai, in virtù delle 7 finali perse in carriera. Insulti continui. Appena tocca palla, lì in regia e durante la partitella, Biglia viene bersagliato e contestato dalla Nord, che ormai ha scaricato il capitano. Milan o non Milan. Indipendentemente da una decisione che comunque non arriva. Nel mezzo, anche una rissa tra Hoedt, Wallace e Felipe Anderson. Clima teso. E Biglia non ci sta, vuole solo rossonero. Pensa a Montella, Conti e Calhanoglu. In quel mondo tutto suo in cui non c'è più spazio per la Lazio. Neanche il tempo di rientrare in albergo che c’è già la svolta: “Biglia al Milan!”. L'annuncio che tutti aspettavano. Pure lui. E stavolta solo sorrisi, specie dopo 24h così.

Condividi articolo su


Copyright 2014, 2016
Tutti i diritti sono riservati

Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano, Decreto nr.140 del 16/04/2014
Direttore Responsabile Gianluca Di Marzio, Editore G.D.M. Comunication S.r.l. - P.IVA 08591160968