Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Beccalossi: "Il vero fenomeno dell'Inter è Spalletti. Scudetto? Il Napoli resta favorito"

| Press | Autore: Redazione

Due giorni alla sfida dell’Allianz Stadium tra la Juventus e l’Inter. Di questa partita ha parlato un grande ex del passato neroazzurro, Evaristo Beccalossi, intervistato da Il Corriere dello Sport: L’Inter ti rimane addosso per tutta la vita. L’Inter è fascino, genio e sregolatezza. Con l’Inter non puoi mai stare tranquillo, ti sorprende sempre. Che dire? Sono fortunato ad essere così amato”.

Juventus-Inter è sempre stata una delle sfide più sentite d’Italia: “La sfida con la Juventus era l’appuntamento che tutti aspettavamo. Mi gasavo a giocarle, quelle partite. Per un giocatore è il massimo. Guarda che anche all’epoca la Juventus vinceva scudetti in serie. Negli anni ’80 la Juve era la squadra da battere, proprio come oggi".

Sull’Inter di oggi, prima in classifica grazie a Spalletti: “Quest’Inter è una creatura sua. E’ lui il vero fenomeno. Portare l’Inter al primo posto non è stato casuale, Spalletti ha fatto uno straordinario lavoro sulle teste dei giocatori. E ha recuperato gente che tutti davano per finiti, come Santon, o altri come D’Ambrosio e Nagatomo, che erano finiti ai margini. Il fuoriclasse assoluto è Icardi, ma dietro c’è una squadra tosta”.

Infine sulla lotta scudetto: “Intanto siamo là. Ma per me il Napoli resta favorito. E poi c’è la Juve. E occhio anche alla Roma che, zitta zitta, sta facendo una grande stagione. Noi però – ripeto - ci siamo. Di quest’Inter mi piace lo spirito che si è creato. E quando sei così tosto può succedere di tutto”. La sfida di sabato sarà una tappa, non uno snodo decisivo. «C’è ancora tanto tempo davanti, non sarà decisiva per lo scudetto. Mi auguro invece che entrambe giochino libere. Vorrei vedere un’Inter sbarazzina, sfacciata, serena. Chi vince? Beh, nessuno, se devo farti un pronostico dico pareggio”.

L’intervista completa sull’edizione odierna de 'Il Corriere dello Sport'

Condividi articolo su

Serie A