Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Torneo di Tolone, l'agente Spada: "Ecco i migliori e le sorprese, Rabiot il giocatore con più qualità"

| News calcio | Autore: Guglielmo Cannavale

E’ finito da poco il torneo di Tolone, ma la vera carriera di tanti ragazzi inizia ora. Si sono messi in mostra in molti, davanti agli occhi di direttori sportivi, agenti e osservatori. Ha vinto il Brasile, 5-2 in finale contro la Francia. Il Brasile era veramente una squadra forte e completa, a partire dalla difesa con Marquinhos e Doria. Terzini di livello inferiore, Gilberto e Wendell, ma hanno comunque offerto buone prestazioni. Davanti alla difesa Rodrigo Caio e Lucas Silva, entrambi molto interessanti. In finale si sono scatenati Alisson e Ademilson, i due trequartisti insieme a Lucas Evangelista e dietro a Thalles, un attacco fortissimo e che poteva contare sul giovanissimo Mosquito (1996) dalla panchina. La Francia, la più forte delle europee, aveva il suo punto di forza nel centrocampo, con Rabiot (fuori categoria) insieme a Hunou e Bakayoko. In attacco ha provato a trascinare la squadra Bahebeck (doppietta in finale), mentre in porta c’era Nardi del Nancy, accostato al Milan. Nel corso del torneo si sono messi in mostra anche l’inglese Ward-Prowse (sarà il prossimo gioiello del Southampton?), con una punizione perfetta, Chalobah, il capitano del Messico Antonio Briseno, il cileno Luis Pavez e Bruno Fernandes dell’Udinese, che è arrivato terzo con il Portogallo.

Federico Spada, agente che lavora nella Reset Group di Davide Lippi, ci racconta quali sono stati i migliori del torneo e si sofferma su due giocatori colombiani che gestisce e che potrebbero venire presto in Italia, Ayala e Barrera.

Quali sono stati, secondo te, i giocatori più forti visti al torneo di Tolone? “I migliori in assoluto Marquinhos, Rabiot e Rodrigo Caio. Marquinhos, nonostante non abbia giocato titolare al Psg, è migliorato tantissimo. Sembra sempre di più Thiago Silva con quei 5 cm in meno. Un leader della difesa e con Doria forma la migliore coppia di centrali del mondo Under 20. Meglio di Zouma e Umtiti, che però non hanno giocato questa edizione del Tolone. Rabiot guida il centrocampo della Francia e ha impiegato sia il ruolo di mezzala che quello di trequartista. E’ stato il giocatore con più qualità del torneo, nonostante fosse tra i più giovani (è nato nel 1995). Rodrigo Caio è stato il giocatore con maggior rendimento del torneo. Centrocampista del Brasile, ha aperto il torneo con il gol importantissimo contro la Colombia. Inserimento con e senza palla, intelligenza fuori dal comune. Deve rinforzarsi fisicamente ma ha un futuro decisamente promettente davanti. E’ pronto per l'Italia”. Quali sono stati invece i giocatori meno noti che hanno sorpreso? “Una sorpresa, nel girone B del Brasile, è stato Ryu Seung Woo, attaccante esterno della Corea del Sud, di proprietà del Bayer Leverkusen. Ha cambio di passo e ottima coordinazione, ha fatto una grande prestazione contro l'Inghilterra. Può partire sia da destra che da sinistra, è un destro naturale. Poi Akram Afif, numero 10 del Qatar, è un giocatore di ottima qualità, con buona accelerazione palla al piede. Come giocatore ricorda Witsel, anche per la folta capigliatura riccia. Ha messo in difficoltà le difese di Corea e Colombia con i suoi inserimenti tra gli spazi". Ora parliamo di cui calciatori che conosci molto bene, i due colombiani Ayala e Barrera. “Sebastian Ayala (nella foto insieme a Federico Spada e Davide Lippi, ndr), classe 1995, è un centrocampista centrale dell'Equidad di Bogotà. E’ forte fisicamente e vigile nei due davanti alla difesa nel 4-2-3-1 del Picis Restrepo. Presto lo vedremo all’opera in Europa. Ottime iniziative anche da parte di Barrera, il nipote del grande ex numero dieci Pibe Valderrama. Anche lui come suo zio è un trequartista con ottima visione di gioco. Mancino dietro alla punta, entra sempre bene in partita, pur partendo dalla panchina. E nelle ultime Sub 20 colombiane dietro alla punta giocavano prima James Rodriguez e poi Juan Fernando Quintero, non due giocatori qualunque”. Staff - Guglielmo Cannavale
Condividi articolo su

Calciomercato

Serie A