Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Parla Fabregas: "Barcellona? La squadra più difficile in cui giocare. E tra Messi al Chelsea e il Pallone d'Oro dico che..."

| News calcio | Autore: Gianluca Di Marzio

Londra-Barcellona-Londra, andata e ritorno. Nulla di strano, potrebbe sembrare. Ma quando nella capitale inglese prima si gioca con la maglia dell'Arsenal, poi con quella del Chelsea, allora c'è il rischio di esser chiamato 'traditore'. E' la storia di Cesc Fabregas, centrocampista storico dell'Arsenal, passato in estate al Chelsea. Intervenuto nel corso della trasmissione "Al Primer Toque", su Onda Cero, lo spagnolo è ritornato sul passaggio dal Barcellona ai Blues: "Non mi sarei mai immaginato con la maglia del Chelsea, visto il mio passato all'Arsenal, ma nel calcio mai dire mai. Una volta deciso di andar via dal Barcellona, pensai a prendere la miglior decisione per me ed essere egoista. Parlai con Mourinho e in dieci minuti mi convinse. Non è vero che non mi integrai in azulgrana, io ho sempre lavorato. Ho sempre dato il massimo, ma il mio sogno non si è sviluppato come speravo. Il Barcellona è il club più difficile in cui giocare perché non è importante solo vincere ma come farlo: giocando bene". E sul finale di Liga dell'anno scorso... "Quando l'Atleti ha vinto nel Camp Nou sono andato a dar la mano ad ognuno di loro per il coraggio che hanno avuto". Barcellona-Londra, secondo alcuni rumors provenienti dall'estero, potrebbe essere anche una tratta che potrebbe percorrere Leo Messi. Con l'aiuto di Fabregas? Il centrocampista della Nazionale spagnola smentisce: "M'infastidisce quando sento delle voci riguardo ad una mia mediazione tra Messi ed il Chelsea, al fine di far vestire la maglia blue a Leo. Non posso parlare di contratti, io sono soltanto un calciatore. E' ovvio che se dovesse venire qui io ne sarei felice, sarebbe il benvenuto. Sono sicuro però che Messi è felice al Barcellona, e credo che la cosa sia reciproca. Non conosco Luis Enrique, ma conosco Leo e posso dire che è tutto più normale di quanto è stato creato, perché lui è un ragazzo molo tranquillo. Pallone d'oro? Il migliore al mondo, quello con più talento, è sicuramente Messi. Si dice che sia stato il peggior anno di Messi, eppure si è piazzato a tre gol dal miglior Cristiano Ronaldo. Il portoghese è più un solista, mentre l'argentino partecipa di più alla manovra, per cui in una squadra vorrei sempre quest'ultimo".
Condividi articolo su

Calciomercato

Serie A