Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Parla Fabinho, talismano del Perugia: “Felicissimo per il rinnovo, ora voglio la Serie A. Rizzo gladiatore del nostro centrocampo”

| News calcio | Autore: Redazione

Smaltita la delusione Playoff, il Perugia è pronto a rimettersi al lavoro per la prossima stagione. In esclusiva per GianlucaDiMarzio.com, abbiamo intercettato il fantasista brasiliano, classe ’91, Fabinho, che sta trascorrendo i suoi ultimi giorni di vacanza prima del ritiro agli ordini del nuovo mister Bisoli. E nonostante abbia da poco rinnovato fino al 2019, le voci di mercato cominciano a ronzargli incontrollatamente… Una stagione passata da incorniciare, la tua. Dopo la squalifica, hai iniziato a giocare sempre titolare da febbraio in poi, collezionando ben 21 gettoni di presenza. Oltre i goal, sei anche il miglior assist-man della squadra, a dispetto del girone di andata non giocato. Una sorta di talismano della squadra, non credi? "Sì, è vero, è stato un anno importantissimo per me. Dopo la squalifica di oltre quattro mesi, dalla gara contro il Bologna di gennaio non mio sono più fermato. Sono contento di quello che sono riuscito a dare alla squadra, e soprattutto dei miei assist decisivi, che hanno mandato in rete Falcinelli, Ardemagni e gli altri ragazzi." Chiamiamola casualità, ma con Fabinho in campo il Perugia non ha praticamente mai più perso, raggiungendo i playoff nelle ultime giornate. "Ho dato il mio contributo, come d’altronde lo hanno fatto anche i nuovi arrivati del mercato di gennaio. Su tutti Ardemagni e Giuseppe Rizzo, un vero gladiatore del nostro centrocampo…" … E con l’allenatore Camplone che ti ha schierato in tutti i ruoli dell’attacco, sei stato un vero e proprio jolly, talvolta cambiando posizione a partita in corso. Da fluidificante in un centrocampo a 5, ad ala nel tridente, fino a seconda punta: qual è il tuo segreto per fare la differenza in vari moduli di gioco? "La cosa importante per me è giocare. Sono un professionista e come tale devo essere sempre a completa disposizione dell’allenatore. Amo attaccare gli spazi e posso farlo sia da esterno che da seconda punta." Gli addetti ai lavori credono che tu possa essere devastante anche giocando da ala invertita, un po’ come faceva Cerci nel Torino. E’ questa la posizione in cui ti rivedi di più? "Sì, è un ruolo che mi piace molto e sto imparando ad interpretare. Credo di che il paragone con Cerci ci possa stare." Il Perugia non ha esitato ad offrirti un prolungamento di contratto fino al 2019. Ora però si fanno sempre più insistenti le voci di mercato, dalla Serie A all’estero. Quale sarà il tuo futuro? "Sono discorsi che dovete fare con il mio procuratore. Da oltre un anno ho affidato i miei interessi al mio agente, Paolo Paloni. Gli deve veramente tanto. Abbiamo iniziato un nuovo percorso insieme, sotto tutti i punti di vista. Io penso solo ad allenarmi, voglio giocare, il resto non m’interessa. Ho scoperto il piacere di migliorare ogni giorno, di arrivare prima degli altri agli allenamenti, e di avere un’alimentazione sana ed equilibrata. Ormai vado a dormire tutte le sere intorno alle 11, e la mattina dormo al massimo fino alle 8! Ho rinnovato con il Perugia fino al 2019, e sono contento di indossare ancora la maglia del 'Grifo'. Per qualsiasi altra cosa, dovete parlare con il mio procuratore…" Noi qualche ricerca l’abbiamo fatta; Atalanta, Carpi e Sampdoria gli hanno messo gli occhi addosso. Da rivelazione in B, la sorpresa della Serie A per la prossima stagione sportiva potrebbe chiamarsi proprio Fabinho.
Condividi articolo su

Calciomercato