Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

G Factor: Patrick Cutrone, il bomber rossonero a cui s'aggrappa l'Under 17

| Rubriche | Autore: Ciro Troise

E' la dura legge del gol, canterebbero gli 883, in una loro storica canzone. Nel settore giovanile del Milan la dura legge del gol potrebbe essere definita anche la dura legge di Patrick Cutrone, attaccante classe '98 e promessa del vivaio rossonero. Cutrone ne ha segnate finora ben ventinove di reti nella stagione in corso tra Berretti, Allievi Nazionali e Primavera. Mauro Bianchessi, attuale direttore sportivo del settore giovanile del Milan, lo racconta spesso quando parla del suo "gioiellino" Cutrone: "Ha sin da bambino una fantastica predisposizione al gol", rivela orgoglioso per una delle sue tante intuizioni. Per Cutrone, infatti, non fa differenza la categoria. E' un ragazzo del '98 ma fa gol senza grandi difficoltà anche in Primavera contro avversari di due o tre anni in più rispetto a lui. Con la formazione di mister Brocchi, qualificata direttamente alla final eight così come gli Allievi Nazionali, Cutrone ha messo a segno otto gol in diciassette presenze tra campionato, Viareggio Cup e Coppa Italia Primavera. Un ottimo bottino per il bomber dell'Under 17 a cui il ct Tedino s'aggrappa per valorizzare la produzione del gioco degli azzurrini impegnati all'Europeo di categoria. Cutrone ha già timbrato il cartellino nel pareggio contro l'Olanda per 1-1 che è valso l'accesso ai quarti, dove l'Italia affronterà la Francia in una gara che oltre alle semifinali può dare anche la qualificazione ai Mondiali in Cile. Ma chi è Patrick Cutrone? E' al Milan da quando aveva otto anni, ha vissuto l'intera trafila con la maglia rossonera. Patrick, nativo di Como, ha mosso i suoi primi passi nella squadra di calcio a 5 della Paradiense, una piccola realtà monitorata dagli osservatori del Milan. All'età di 7 anni vince la palma come miglior goleador al torneo "Mascatelli" e si mette ancora di più in evidenza, tanto che il Milan non ha più dubbi, non vuole farsi sfuggire questo ragazzo che incanta per il suo profilo da bomber, per le sue capacità sotto porta. Mauro Bianchessi convoca la famiglia al centro sportivo "Vismara", il padre di Patrick è dubbioso, crede che non sia ancora pronto per il Milan ma la società rossonera lo convince ribadendo più volte le interessanti qualità in prospettiva del figlio. Dal Milan alla Nazionale, la maglia azzurra arriva con il Torneo di Natale del 2012. Da quell'esperienza Patrick diventa un punto fermo prima dell'Unde 15, poi dell'Under 16, con cui segna il primo gol in maglia azzurra (al Torneo delle Nazioni disputato sotto età contro Israele) e della 17 con cui sta vivendo quest'avventura all'Europeo da punto di riferimento di un buon reparto offensivo composto anche da Mazzocchi e Scamacca. E' una prima punta dinamica, che fa molto movimento, in evoluzione dal punto di vista tattico, capace sia di attaccare la porta che di far salire la squadra favorendo l'inserimento dei compagni. Sotto quest'aspetto ricorda Benzema, Inzaghi l'ha convocato spesso per gli allenamenti con la prima squadra. Cutrone è una promessa per il futuro del Milan, da seguire con attenzione. Nel frattempo l'Italia s'affida a lui, i sogni dell'Under 17 passano anche per i suoi gol.

Staff: Ciro Troise

Condividi articolo su

Tag

G Factor

Calciomercato

Serie A