Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

G Factor - Jean Armel Drolè e Franck Kessie, la colonia ivoriana della serie B

| Rubriche | Autore: Ciro Troise

Metti insieme la Costa d'Avorio e il calcio italiano e il primo pensiero va al romanista Gervinho ma la colonia ivoriana prevede tanti ragazzi interessanti. In serie B ci sono due giovani talenti, uno del '97 ed un altro del '96, che stanno ben figurando rispettivamente con la maglia del Perugia e del Cesena. Si chiamano Jean Armel Drolè e Franck Kessie. Drolè è un attaccante esterno ma può giocare anche da trequartista o punta centrale. La sua età teoricamente lo renderebbe un giocatore per la Primavera del Perugia, realtà in cui Jean Armel ha giocato una sola partita, quella persa 2-0 contro il Verona lo scorso 12 Settembre, poi si è trasferito stabilmente in prima squadra.

Bisoli l'ha sempre seguito, √® stato attento alla sua crescita sin dall'estate, il 29 Luglio scorso, infatti, l'ha schierato titolare nel secondo tempo dell'amichevole contro la Fermana. Drol√® ricambi√≤ la fiducia dell'allenatore in modo brillante: assist a Di Carmine e doppietta personale. Il debutto in serie B √® arrivato il 19 Settembre scorso nella sfida contro il Crotone in cui entr√≤ al 78' al posto di Lanzafame, poi ha trovato sempre pi√Ļ spazio nel gruppo di Bisoli riuscendo a giocare da titolare tre partite contro Cesena, Trapani e Virtus Entella. Ma chi √® Jean Armel Drol√®? E' nato ad Abidjan, il capoluogo della Lagunes, la regione pi√Ļ popolosa della Costa d'Avorio, nazione sconvolta dalla guerra civile tra il 2002 e il 2011, gli anni in cui vive la sua infanzia Drol√® che purtroppo perde molto presto i suoi genitori.

Jean √® adottato da uno zio che molto presto scopre il suo talento, si rende conto che sa giocare a calcio e non lo fa tesserare da nessuna societ√† per evitare che a livello burocratico il trasferimento diventi molto pi√Ļ complicato. La guerra civile, le difficolt√† economiche portano Drol√® a fuggire dal Costa d'Avorio verso uno degli stati confinanti, il Mali, dove la situazione √® un po' pi√Ļ tranquilla. Lontano dalla paura della guerra, Jean cerca di costruirsi un futuro, le speranze sono sempre legate al calcio. C'√® chi purtroppo cerca di rubare i sogni altrui, d'approfittare delle aspirazioni dei ragazzi e cos√¨ la famiglia di Drol√® √® avvicinato da un "mediatore" senza scrupoli che in cambio di denaro convince Jean Armel a trasferirsi in Italia millantando le amicizie con tanti dirigenti italiani.

Drolè sbarca a Malpensa con la voglia d'affermarsi, il sogno del riscatto ma purtroppo all'aeroporto deve fare i conti con una grande delusione: chi l'ha portato in Italia sparisce, Jean Armel resta solo con i suoi bagagli. E' un momento molto difficile per Drolè che decide di trasferirsi al Sud, precisamente a Palermo. La vita spesso può cambiare per un incontro e per Jean Armel è così: è Massimo Tutrone ad occuparsi di questo ragazzino che combatte contro stanchezza e malnutrizione. Jean Armel comincia a giocare nel Tieffe Club, scuola calcio di Palermo affiliata alla Juventus, che da anni opera con ottimi risultati formando giocatori per i club professionistici. Uno di questi è Roberto Crivello, difensore del Frosinone. Drolè non convince la Juventus in due provini e allora si fa avanti il Perugia che dopo una lunga pratica burocratica riesce a tesserarlo e a regalargli il suo sogno conquistato con tenacia e applicazione.

Ha vissuto un percorso molto meno travagliato Franck Kessie, l'altro ivoriano che si sta mettendo in mostra in serie b. Kessie nasce difensore centrale ma nel Cesena di Drago si sta affermando come interno destro di centrocampo, sfruttando le sue capacità atletiche, la forza fisica che lo rende un cursore capace di abbinare la quantità a discrete qualità tecniche. Ha resistenza, velocità di pensiero e d'esecuzione, sta migliorando anche sotto il profilo tattico e le soddisfazioni. Kessie ha messo a segno il gol decisivo nella vittoria contro il Lanciano e ha servito un assist a Garritano nel successo contro il Como. L'Atalanta, proprietaria del suo cartellino, osserva le sue prestazioni e si gode la consapevolezza di aver individuato un ottimo profilo e la possibilità di poterlo riportare in futuro a Bergamo. Kessie è una scoperta di Sartori che l'ha seguito durante il mondiale Under 17. La Costa d'Avorio fu sconfitta ai quarti di finale dall'Argentina per 2-1 e fu proprio Kessie ad accorciare le distanze.

Franck fu uno dei migliori anche contro l'Italia nella prima gara degli azzurrini di Zoratto in quella competizione, Vido sblocc√≤ l'incontro dopo cinque minuti grazie anche ad un errore di posizione del portiere Diabagate, poi Kessie e compagni resero la vita difficile all'Italia che non riusc√¨ pi√Ļ a rendersi pericolosa. L'Atalanta present√≤ un'offerta convincente alla Stella Club di Abidjan e ha portato dalle parti di Zingonia il centrocampista classe '96, che solo il prossimo 19 Dicembre compir√† diciannove anni. Kessie √® arrivato lo scorso gennaio all'Atalanta, nella scorsa stagione ha collezionato sette presenze in Primavera prima di andare quest'estate in prestito al Cesena, sotto la guida di Massimo Drago, un maestro nella valorizzazione dei giovani. Dal riscatto di Drol√® all'avventura in Romagna di Kessie, la Serie B parla ivoriano nel segno di Gervinho, colui che traccia i sogni di chi proviene dalla Costa d'Avorio.

Staff: Ciro Troise

Condividi articolo su

Tag

G Factor

Calciomercato

Serie A