Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

"Dale, dale Boca". Boca-River, lo "Xeneizes" Pisacane al Bernabeu

| Storie | Autore: Francesco Caruso

Un giorno da ultras... L'occasione è di quelle irripetibili per Fabio Pisacane: il "suo" Boca a Madrid per giocarsi la Libertadores contro gli eterni rivali del River. Sveglia puntata presto, con il sorriso perché il pensiero va ancora all'emozionante rimonta del "suo" Cagliari contro la Roma, poi Pisa si presenta all'aeroporto di Elmas direzione Spagna. Giusto il tempo di recuperare qualche ora di sonno, l'appuntamento con i compagni rossoblù Rafael, Lucas Castro e Darijo Srna è alle cinque del mattino: pura passione da "bostero".

"Tifo Boca da bambino , la squadra del mio cuore in onore di Maradona il mio primo idolo , e del mio secondo Idolo , Gabriel Omar Batistuta". Già... Batigol. Fabio da piccolo giocava attaccante e il suo modo preferito di esultare era proprio la corsa verso la bandierina, come faceva il bomber di Reconquista. Tutto nasce da bambino dunque, anche se i più hanno scoperto che Pisacane è "Xeneizes" solo nel 2016, quando un tatuaggio ha catturato l'attenzione dei sostenitori del Boca. Da lì migliaia di messaggi con i tifosi argentini impazziti per il "fighter" rossoblù: "Pisacane un bostero come tutte le persone per bene" o ancora "comprateci Pisacane...". Un amore ricambiato immediatamente...

Due anni dopo la passione è più viva che mai e, complice l'anticipo di sabato delle 18, Pisacane ha potuto sfruttare il giorno libero realizzando un sogno adolescenziale, vedere il Boca Juniors giocare dal vivo. Un regalo di Natale in anticipo, una emozionante e fin troppo attesa finale di Coppa Libertadores. La "garra" da bostero Fabio l'ha sempre avuta, la storia della sua vita e la sua battaglia le più grandi testimonianze. Allora... "DALE DALE BOCA!!!".



Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato

Serie A