Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Da Mourinho a Wenger: tutti pazzi per Talisca, l’ultima scoperta del Benfica

| News calcio | Autore: Redazione

Dopo l’Europa League persa, Guttman sembra essersi abbattuto come un tornado anche sul mercato del Benfica. Non è stata un’estate facile per i tifosi delle Aguias. Tante partenze, tanti pezzi da novanta che hanno salutato. Garay, Oblak, Markovic, Andrè Gomes, Rodrigo solo per citarne alcuni. La crisi finaziaria del club portoghese ha influenzato negativamente le mosse sul mercato. Dalle partenze è stato ricavato un tesoretto di 74 mln, con gran parte dei guadagni utilizzati per ripianare il bilancio. In entrata, l’acquisto più esoso è stato il centrocampista greco dell’Olympiacos Samaris, pagato dieci milioni di euro. Tante scommesse poi per il futuro: come Cristante, come Luis Felipe,  e come Anderson Talisca.  Una scommessa in parte già vinta dalla dirigenza lusitana. Mentre a giugno tutti erano concentrati su gli stadi del Mondiali, alla caccia di nuove prede sul palcoscenico internazionale, lo scouting del Benfica, dopo aver visionato attentamente il campionato Bahiano, dove Talisca si era messo in bella mostra proprio con il Bahia, hanno anticipato tutti portando a Lisbona la mezzala brasiliana per un investimento di 4 mln di euro. Un impatto devastante quello di Talisca in Europa: attualmente capocannoniere in Primeira Liga. Sei reti in sette partite. Una media di 0,85 gol a partita. Dopo una buona pre-season, il giocatore ha conquistato sin da subito Jorge Jesus, che lo ha premiato riservandogli un posto da titolare nel 4-2-3-1 alle spalle di Lima, in linea con Gaitan e Salvio. Velocità, dribbling, tecnica, forza fisica e un piede sinistro che a molti ricorda quello di Rivaldo. “Nessuno conosce Talisca? Se avesse il permesso di lavoro giocherebbe già in Inghilterra”. Parola dello Special One. Rivelazioni di Jose Mourinho, che aveva già avvistato il giocatore consigliandolo al Porto, e che ora vorrebbe far di tutto per averlo in dote al Chelsea. Talisca però non ha fretta. E’ al primo anno in Europa e la stagione è appena iniziata: “Le parole di Mourinho non possono che farmi piacere” – ha dichiarato ieri il giocatore a “A Bola” – E’ un grande allenatore. Le sue parole credo siano la conseguenza di quello che sto facendo qui al Benfica. Devo ancora lavorare molto per crescere, un passo alla volta. Jesus mi sta aiutando molto”. Se Mourinho lo corteggia, Jesus lo alleva, Dunga non può far altro che monitorarlo: “La Seleçao? Ogni cosa ha il suo tempo. Adesso sono concentrato sulla nazionale Olimpica. Per la chiamata di Dunga dipende da quel che faccio qui”. In Inghilterra però, Talisca non ingolosisce solo Mou. Arsenal e Liverpool avrebbero già fatto un sondaggio con il Benfica. Wenger e Rodgers stravedono per il brasiliano. Il Benfica per adesso si tiene stretto il suo gioiello. Perché Talisca ha già conquistato tutti.   A cura di Gianluca Bottiglieri   foto: @SL_Benfica
Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

Serie A