Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Cagliari, Zola: “A Udine per vincere. Donsah diventerà un grande giocatore. Gilardino? Parlo dei miei”

| News calcio | Autore: Francesco Caruso

Il Cagliari si prepara ad affrontare la trasferta di Udine per provare a dar continuità ai risultati, dopo la vittoria di domenica scorsa sul Cesena. L'Udinese, dal canto suo, proverà a ritrovare la vittoria, dopo il buon pareggio di Reggio Emilia con il Sassuolo. Gianfranco Zola, in conferenza stampa, parte dalla partita di Coppa Italia: "Ho sempre detto che la priorità era il campionato. Però ce la siamo giocata lo stesso, abbiamo avuto le nostre occasioni. Se Sau avesse segnato probabilmente avremmo portato a casa la vittoria. Abbiamo provato tre o quattro giocatori nuovi, e chi ha giocato meno, ma siamo stati all'altezza". Ho visto la giusta mentalità, anche stamattina, in allenamento. Per quanto riguarda gli infortuni recuperiamo Brkic e Rossettini. Sau è sulla via della guarigione. Anche io sono passato dallo stesso tipo di infortunio, deve ritrovare la serenità. In questo momento è una scelta farlo giocare gradualmente. Mi ha dato una buona risposta a Parma, quando ha trovato ritmo il baricentro della squadra si è spostato in avanti di parecchi metri". Conti e Crisetig:"Sono due giocatori che hanno caratteristiche molto simili, ma possono convivere. Daniele  gode della mia totale stima e fiducia, è molto legato all'ambiente e ci tiene molto alla squadra. Non ho ancora deciso chi dei due giocherà, si sono allenati entrambi molto bene. Spero che Daniele si liberi un pochino da questa tensione e torni a essere il grande giocatore che è". Un po' di giudizi sui singoli: "Joao Pedro non è un ala, è un trequartista o una mezzala di centrocampo e ha un'ottima capacità realizzativa. Barella nella partita di coppa  mi è piaciuto molto, ha grande personalità. Donsah è un grandissimo giocatore, se ne parla poco ma sta crescendo bene",. Cosa pensa dell'Udinese e che rapporto è rimasto con i Pozzo? "Con i Pozzo mi sono lasciato bene e non c'è nessun problema. Al Watford è stata una bella esperienza, peccato che sia andata male. Andiamo a Udine con intenzioni "bellicose", dobbiamo recuperare punti a chi ci sta davanti, proveremo a vincere. Loro non vivono un buon momento. Me li aspetto nervosi e giocheremo su questo fattore. Sarà importante tenere le distanze tra i reparti e i giocatori". I grandi campioni scelgono di nuovo la serie A, cosa ne pensa? E di Gilardino? "Il ritorno di grandi giocatori in Italia non può che fare bene al nostro calcio. Si è pensato che fossero i moduli a fare la differenza, ma la differenza la fanno i grandi giocatori e il talento. Gilardino? Se un giorno sarà un giocatore del Cagliari ne parlerò con estremo piacere. Ma ora mi concentro sui miei".
Condividi articolo su

Potrebbe interessarti

BOX VIDEO

Calciomercato

Serie A