Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Bologna, Poli: "Lasciare il Milan non è un passo indietro nella mia carriera"

| Press | Autore: Redazione

Quattro anni al Milan, parentesi non indimenticabile per Andrea Poli, che tuttavia, da tifoso rossonero, rimarranno un periodo speciale della sua vita. Riparte da Bologna il centrocampista veneto, senza rimpianti: "Il passaggio al Bologna non è un passo indietro nella mia carriera" - si legge nelle pagine de La Gazzetta dello Sport - "Chi pensa una cosa simile è fuori di testa. Io e la squadra rossoblù abbiamo l’ambizione di tornare subito protagonisti. Abbiamo voglia di crescere insieme. Mi hanno voluto fortissimamente e abbiamo scoperto subito di avere le stesse idee. Io trequartista del nuovo Bologna? Un’idea che aveva già avuto Seedorf nella sua breve parentesi sulla panchina del Milan. Mi schierò in quella posizione nell’ottavo di finale contro l’Atletico Madrid. E’ una possibilità. Che non mi dispiace. Così come posso giostrare da mediano davanti alla difesa. Il 4-2-3-1 è un modulo molto offensivo, va interpretato con grande saggezza tattica. A me interessa essere utile alla causa Bologna in qualsiasi angolo del campo".

I campioni ammirati: "Fin da ragazzino andavo pazzo per Pirlo. Per me è stato un onore giocare alsuo fianco in Nazionale. Poi, ho sempre guardato con ammirazione a Gerrard e Lampard. Campioni che hanno chiuso con il calcio ma che hanno segnato una strada". Nel Bologna ritrova Destro: "Con Mattia siamo stati insieme al Milan. Lui ha grandi potenzialità. Ma dicendo questo non scopro niente di nuovo. Lo vedo carico al punto giusto. Destro tornerà a segnare tante reti in campionato. Ma il Bologna non può, non deve dipendere dai singoli. La nostra forza sarà difendere e attaccare tutti insieme".

L'obiettivo: "Dobbiamo stare con i piedi per terra. Il nostro primo obiettivo è riaccendere l’entusiasmo di una piazza che merita tanto e che ci segue con straordinaria passione". Milan? Poli ribadisce il concetto: "Nessun rimpianto. Sono milanista e sono orgoglioso di aver dato il mio contributo in un momento difficile della storia del club rossonero. Scudetto? Di sicuro può lottare per il titolo anche se la Juve resta la favorita. I bianconeri anche senza Bonucci hanno ancora qualcosa in più. Sono arrivati giocatori di valore, ma il colpo vincente può essere la conferma di Donnarumma. Gigio è un grande talento e ha solo 18 anni. Può dar vita a un lungo ciclo anche se, dopo la tormentata vicenda contrattuale, non sarà più visto e giudicato da ragazzino. Da lui tutti pretenderanno molto. Ma Donnarumma ha la testa giusta per reggere certe pressioni".

Regina del mercato? Il Napoli: "Ha confermato i suoi giocatori più importanti. La squadra di Sarri propone il calcio più divertente di tutta la Serie A. Anche loro lotteranno per il titolo. Il campionato italiano sta tornando a essere un torneo di valore assoluto". Poli parla anche di Cassano: "Ho giocato con lui due anni alla Samp ma, sinceramente, non voglio commentare la sua scelta. Non è un mio problema, sono affari suoi". In chiusura d'intervista Poli affronta il capitolo Nazionale: "Non voglio pensarci. In questo momento ho un solo obiettivo: fare bene con il Bologna. Esco da un anno non facile. La mia sfida è tornare a essere un giocatore importante. La mia è una ripartenza carica di belle aspettative".

Condividi articolo su

Calciomercato

Serie A