United, la decisione di Berta entro Pasqua: e Mou già si sente un Red Devil di Manchester

berta
Gianluca Di Marzio
03-03-2016 19:32

"Me voy". Oppure. "No, no me voy". Testa che ormai pensa in spagnolo, se tutto va bene lo parla anche di notte Andrea Berta. Che in Spagna - Madrid Capital - ha trovato la sua 'fuente' della felicità, soddisfazione (e successi, con il Cholo in panchina davvero tanti) rojiblanca chiamata Atlético de Madrid. L'attuale direttore tecnico dei colchoneros è garanzia di competenza, competitività immediata ma anche pianificazione futura, vedere l'età media di quest'ultimo Atletico per credere. E Manchester United che ha pensato a lui per tornare grande e ricostruire il proprio futuro, come vi avevamo anticipato qualche settimana fa. Entro Pasqua, si o no. "Se va" oppure "se queda en Madrid". Berta ne sta parlando con la famiglia, valutando un progetto - quello dei Red Devils - ambizioso dal passato glorioso. Che ora vuole lui e Josè Mourinho (i due legati da una forte relazione con Jorge Mendes, procuratore dell'allenatore portoghese) per brillare come una volta. Attualmente Berta è più propenso accendere quel semaforo di verde e andare: 60% sul si, Manchester United convinto che accetti. Ma scelta che deve ancora esser presa definitivamente. Mourinho intanto fa... l'osservatore, in giro per gli stadi d'Europa. Sotto traccia, per lo United che verrà. Cerca un difensore centrale, un centrocampista di qualità e una punta davvero forte. Tra Mou ed il Manchester in rosso non è ancora stato firmato nulla ma vige una sorta di gentleman agreement: ecco perché lui già lavora e si sente dello United. Un devil in rosso con un direttore tecnico al suo fianco, che in rojo ha già trionfato. Bel tempo (ops, risultati) si spera

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario aver Accesso effettuato per pubblicare un commento