Questo sito contribuisce all'audience di
Menu

Seleziona una squadra

  • Serie A
  • Coppe
  • Altri

Varese - Como. Le due facce di un derby che torna dopo otto anni

| | Storie | Autore: Alice Nidasio

Al Franco Ossola, ieri, c’erano le premesse per rivedere in campo e sugli spalti una sana rivalità per un derby che mancava da 8 anni. C’erano i numeri di Varese - Como che si sono incontrati 44 volte dal 1928 ad oggi (16 vittorie per i padroni di casa, 13 per i comaschi, 15 i pareggi). E poi i numeri dei tifosi, che aspettavano questo match da tempo e che in maggioranza, avrebbero voluto viverlo sotto il segno della sportività: 1680 biglietti venduti di cui 533 nel settore ospiti e 678 abbonamenti, per un totale di 2448 presenze. Le precauzioni prese dalla Questura (150 agenti schierati) testimoniano che la partita era considerata (a ragion veduta) “a rischio”. E così si è rivelata. Al quarto d’ora dal calcio d’inizio, le frange delle tifoserie più accese si sono scontrate nella "zona cuscinetto" lasciata vuota fra i settori e non presidiata dalle forze dell’ordine in quel momento. Botte, spjntoni, sassi e bombe carta. Poi l’intervento degli agenti in tenuta antisommossa che hanno riportato la calma. Il match si è concluso con la vittoria esterna del Como, per 1-0, firmato da Molino. Ma in giornate come quella di ieri, perdono tutti, in primis il calcio. Amarezza in casa di entrambe le squadre per le decisioni odierne del Giudice sportivo: per il Varese ammenda di 1.800 euro e una gara da disputare a porte chiuse con le seguenti motivazioni:

“Perché propri sostenitori scavalcavano le recinzioni che delimitavano il loro settore per entrare in contatto con la tifoseria avversaria, dando luogo a scontri che rendevano necessario l'intervento delle Forze dell'Ordine e la sospensione della gara per circa 4 minuti e introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico (alcuni fumogeni)che veniva lanciato all'indirizzo della tifoseria avversaria. Sanzione così determinata in considerazione del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti”.

Per il Como, sanzione economica di 2.500 euro e una partita da disputare a porte chiuse con le seguenti motivazioni:

"Per aver scavalcato le recinzioni che delimitavano il loro settore per entrare in contatto con la tifoseria avversaria dando luogo a scontri che rendevano necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine e la sospensione della gara per circa 4 minuti; introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico ( 1 bomba carta) fatto esplodere nel settore ad essi riservato con forte deflagrazione e lanciato alcuni fumogeni all’indirizzo della tifoseria avversaria".


Confidando che qualsiasi partita di qualunque campionato si giochi con l'atmosfera più serena, chi paga il prezzo più alto è come sempre chi vive il calcio nel modo più genuino, che in questo caso non potrà sostenere la propria squadra in casa nel prossimo turno.

Condividi articolo su

Tag

Foto, Serie D

Serie A

L'editoriale
Edoardo Marcarini